Una buona Metal Carpenteria Crotone vittoriosa al tie-break in casa del Gioia Tauro

Una buona Metal Carpenteria Crotone vittoriosa al tie-break in casa del Gioia Tauro

GIOIA TAURO-PALLAVOLO CROTONE 2-3

Metro Record Gioia Tauro: Angiletta, Bellamace, Sposato, Vecchio, Matà, Benedetto, Tilotta, Arnese, Angiletta, Zumbo, Saccà, Orso Libero, All. M. Panunzio

Metal Carpenteria Crotone: Bitonti, Braichuk, Capria, Cesario, De Franco, Franco, Manzo, Muscò, Pioli, Reale, Scida, Sitra, Cosentino Libero, All. P. Asteriti

Arbitri e Segnapunti: Musarella e Romeo di RC e Carlà di Gioia T.

Gioia Tauro – Metal Carpenteria KR 2-3 Parziali 20/25 25/2125/19 20/25 14/16

 

Un Crotone coriaceo esce da quel di Gioia Tauro con una vittoria da 2 punti ma con una grande iniezione di morale per come è arrivata la vittoria per le certezze ritrovate e per il carattere messo in campo nei momenti difficili.

Pronti via il sestetto della Metal Carpenteria parte forte grazie alla novità del doppio libero (Cosentino e Cesario) si soffre meno in ricezione e difesa, a beneficiarne è la regia di Reale che gioca in maniera lucida e precisa, il gioco poggia sui centrali De Franco e Scida che impiegano un po’ di tempo a capire che il muro non li copre ma quando succede il Crotone fila via subito e arriva sul 15-11 primo time out di Marta Panunzio che prova a ridare equilibrio alla squadra, la reazione arriva e lo scarto diminuisce anche se il Crotone chiede time out sul 21-18 sul nascere delle buone azioni locali, tra cambi palla nelle due squadre si arriva fino al termine del set con Bitonti che chiude il set 25-21.

Al cambio campo entrambe le squadre confermano i loro sestetti, l’equilibrio in campo fa divertire il pubblico caloroso e rumoroso da entrambi le parti, la coppia arbitrale tiene bene la gara in pugno dal punto di vista emotivo, si arriva sul 10-9 quando entra in black out mentale Braichuk fino a quel momento perfetta in ricezione e attacco, sul 13-10 mister Asteriti la rileva con Pioli che con l’esperienza tiene botta, il Crotone chiede il secondo time out sul 16-10 e rientra in campo decisa a rischiare il tutto per tutto, il divario diminuisce ma ogni tanto arrivano errori grossolani che riportano il Gioia Tauro a girare e passare con danni minimi nelle rotazioni difficili, 23-20 è il massimo sforzo della Metal carpenteria che poi però cede il set 25-21.

Uno a uno palla al centro, il Crotone sembra ripiombare nell’ansia, le giocate non sono più fluide, i centrali non incidono più e Manzo e Pioli in 4 faticano a trovare le soluzioni giuste, Bitonti non sopporta il carica di lavoro extra e per il Gioia Tauro che fa della difesa l’arma principale diventa anche facile mettere in crisi il Crotone che chiede i due time out e fa 5 cambi senza sortire nessuno effetto, il set viene vinto dalla squadra di Panunzio che gusta tra l’entusiasmo del pubblico il sapore della vittoria.

Nel 4 parziale un Crotone inedito ma che si dimostrerà efficace e molto agonista parte 10-1 grazie all’entusiasmo di Capitan Pioli che con il suo carisma riporta l’attenzione in partita, Braichuk diventa un cecchino in attacco e i centrali Scida e Capria puntuali a muro, la qualità del gioco s’impenna quando i due liberi diventano insormontabili e Franco smista palloni per il bomber di turno Bitonti che impone la legge dell’attacco sulla difesa e spacca il set, il vantaggio accumulato permette al Crotone di gestire il set e farsi trovare carico nel 5 set che inizia bene con lo stesso sestetto.

L’equilibrio accende gli animi il pubblico si diverte, tamburi e cori rendono l’atmosfera caldissima, 8-7 al cambio campo, Bitonti continua la sua battaglia personale, Pioli sigla un ace nel momento più caldo della partita fino al 14-11 dove Franco va a battere con 3 match balla a disposizione, la battuta finisce out, 14-12 il Crotone entra in panico, Capria lascia il campo per infortunio a Reale che gioca il punto del 14-13 e accusa un malore e viene sostituita da De Franco, Gioia Tauro pareggia 14-14 e sembra poter dare il colpo di grazie invece il match ball sulla rete viene sfruttato da De Franco che con un tocco dolce fa scoppiare la festa nel campo del Crotone e lascia l’amarezza alla squadra locale, alla fine applausi per tutti a squadre e pubblico.

Capitan Pioli: “Ero sicura che avremmo giocato una partita particolare, su questo campo non è facile vincere, noi ci siamo riuscite, rimontando e giocando con una attenzione, pian piano risaliremo la classifica verso posizioni più consone alla mia squadra, dobbiamo continuare a lavorare duro in palestra e non mollare mai“.

Lascia un commento

Scroll To Top