Un Crotone poco pungente cede all’Avellino ma mantiene il quarto posto in classifica

Un Crotone poco pungente cede all’Avellino ma mantiene il quarto posto in classifica

AVELLINO-CROTONE 2-0

AVELLINO: Seculin, Izzo (dal 27′ st Fabbro), Peccarisi, Pisacane, Zappacosta, D’Angelo, Togni (dal 46′ st Pizza), Schiavon, Ladriere (dal 37′ st Angiulli), Castaldo, Galabinov. In panchina: Terraciano, Decarli, Millesi, Soncin, Biancolino, Ciano. Allenatore: Rastelli.

CROTONE: Secco, Del Prete, Cremonesi, Ligi, Mazzotta, Cataldi, Crisetig, Dezi (dal 31′ st De Giorgio), Bernardeschi (dal 18′ st Giannone), Ishak, Bidaoui (dal 1′ st Pettinari). In panchina: Gomis, Suagher, Meola, Matute, Galardo, Diop. Allenatore: Drago.

ARBITRO: Pinzani di Empoli (Segna e Tolfo).

MARCATORI: 9′ pt Schiavon, 48′ st Galabinov.

AMMONITI: D’Angelo (A), Cataldi (C), Izzo (A), Castaldo (A), Togni (A).

 

La squadra di Drago interrompe la serie positiva perdendo un match importante al Partenio di Avellino. Brutta prestazione di Mazzotta e compagni, praticamente mai in partita, condizionati anche dal forte temporale che, almeno nella prima frazione di gioco, ha impedito che si potessero sviluppare manovre di gioco.

Esordio fra i pali di Secco a causa di un infortunio capitato a Gomis: il portiere brasiliano è apparso più volte incerto e confusionario nelle uscite, ed ha responsabilità sulla rete del vantaggio irpino. Gol che è arrivato dopo meno di 10 minuti, dopo un rinvio di pugno inefficace di Secco che ha consegnato la palla a Schiavon, abile dal limite dell’area a controllarla e segnare con un bel tiro.

Reazione sterile anche a causa della forte pioggia che ha reso il campo quasi impraticabile. Nella ripresa il Crotone ha fatto qualcosa in più ma ha costruito davvero poche occasioni. L’Avellino ha sfiorato il raddoppio in diverse occasioni e l’ha trovato nel recupero grazie ad un errore clamoroso di Crisetig ultimo uomo che ha consegnato a Galabinov una palla comoda da depositare in rete. Pessima prestazione di quasi tutti i calciatori, in particolare del reparto d’attacco. La buona notizia è che, nonostante il ko, la formazione calabrese rimane al quarto posto, anche se si avvicinano le altre.

Lascia un commento

Scroll To Top