Taverna, intervista al presidente Parrottino: “Rimaniamo coi piedi per terra, ma ora possiamo sognare”

Taverna, intervista al presidente Parrottino: “Rimaniamo coi piedi per terra, ma ora possiamo sognare”

Ora che la salvezza è stata raggiunta, dopo la splendida cavalcata a cavallo tra l’andata ed il ritorno, l’ A.S.D. Taverna può sognare e provarci. Sarà corsa play-off a tutti i costi? Certamente no. Ma se i lupi riusciranno a continuare a restare in scia, un nuovo obiettivo poterebbe infiammare a questo punto i cuori della società: quella di giocarsi la qualificazione ai playoff.

Certo il campionato è ancora lungo, mancano 11 gare ed il presidente Parrottino afferma: “Noi non siamo intenzionati a mollare. Puntiamo a mantenere la posizione in zona play-off ma continuiamo a tenere i piedi ben saldati a terra, come abbiamo fatto finora. Abbiamo una squadra di giovani, con ottime prospettive. Siamo una squadra umile che va su tutti i campi per cercare di ottenere il massimo sulla base della stessa grinta che ci ha permesso di arrivare fin qui. Una chance, quella dei play-off, che non era programmata. Le cinque corazzate, che sono avanti a noi, hanno creato un organico per vincere, noi per divertirci”.

La società biancorossa non si mostra certo sbalordita per gli exploit del suo gruppo. “A volte – continua Parrottino – l’etichetta di sorpresa nasconde un che di riduttivo. La realtà è che, invece, abbiamo una rosa di qualità con un bel potenziale. Ma manteniamo umiltà e continuiamo a lavorare. Ribadisco: siamo in un momento cruciale. Il principale obiettivo è stato raggiunto. Perciò, non vogliamo fermarci proprio ora che possiamo toglierci ulteriore soddisfazioni”.

Intanto, i risultati finora raggiunti stanno portando alla ribalta anche il nome di Taverna e i complimenti delle altre società ci rincuorano e ci fanno andare avanti. “Io sono soltanto uno dei tanti che lavora per la causa biancorossa. Il merito di certi risultati è dell’intero staff: qui ognuno ha compiti ben precisi che portano a decisioni unanimi. Per me la più bella gratificazione è vedere gioia nei tifosi, serenità nella società, voglia di seguirci da parte della squadra. È normale che cercheremo sempre di portare a termine il programma stabilito fin dall’inizio, quello di valorizzare i nostri giovani”.

Lascia un commento

Scroll To Top