Super Crotone, una notte da sogno: battuto il Cagliari e primato riconquistato

Super Crotone, una notte da sogno: battuto il Cagliari e primato riconquistato

CROTONE-CAGLIARI 3-1

CROTONE: Cordaz; Yao, Claiton, Ferrari; Balasa, Capezzi, Barberis (dal 30’ st Salzano), Martella; Ricci (dal 36’ st De Giorgio), Budimir, Stoian (dal 40’ st Palladino). In panchina: Festa, Cremonesi, Zampano, Paro, Sabbione, Torromino. Allenatore: Juric.

CAGLIARI: Storari; Pisacane, Salamon, Krajnc, Balzano; Munari (dal 27’ st Cerri), Di Gennaro (dal 17’ st Tello), Fossati; Joao Pedro; Farias, Giannetti (dall’ 11’ st Murru). In panchina: Cragno, Colombo, Benedetti, Barreca, Deiola, Sau. Allenatore: Rastelli.

ARBITRO: Maresca di Napoli (assistenti De Meo di Foggia e Mondin di Treviso).

MARCATORI: 2’ pt Budimir (Cr), 21’ st Farias (Ca), 45’ pt Martella (Cr), 29’ st Ricci (Cr).

AMMONITI: Krajnc (Ca), Barberis (Cr), Balzano (Ca), Ferrari (Cr), Munari (Ca), Murru (Ca), Joao Pedro (Ca).

ESPULSO: 7’ st Balzano (Ca), 31’ st Krajnc (Ca).

NOTE: Spettatori 9.244 per un incasso totale di 72.879 euro.

 

Il Crotone torna a giocare dopo oltre tre settimane dall’ultima gara, quella vinta in casa della Virtus Entella. Il tecnico Juric schiera grossomodo la formazione tipo, con Balasa che vince il ballottaggio con Zampano, e Barberis che viene preferito a Salzano. Davanti il tridente tipo Ricci-Budimir-Stoian. Il Cagliari deve fare a meno degli infortunati Dessena e Ceppitelli ma recupera all’ultimo il portiere Storari.

L’inizio della squadra calabrese è devastante: al 2’ scambio Martella-Stoian sulla sinistra, cross a rientrare del calciatore rumeno e Budimir di testa anticipa tutti depositando in rete. Subito lo svantaggio, la squadra sarda inizia a guadagnare campo nel tentativo di pareggiare, lasciando però spazio alle ripartenze del Crotone che in un paio di occasioni va vicino al raddoppio. La troppa generosità viene pagata a caro prezzo dai padroni di casa che si scoprono e subiscono la ripartenza veloce di Farias, abile a prendere palla tra le le linee e a piazzare dal limite dell’area il colpo del pareggio. Il Crotone subisce il contraccolpo e fa fatica a creare gioco, il Cagliari fraseggia bene e con un Farias ispirato va vicino al vantaggio.

Il finale, però, è di marca pitagorica, ed all’ultimo minuto arriva la rete del 2-1: azione convulsa che dapprima si sviluppa a destra con Balasa che va vicino alla rete, poi la palla schizza a sinistra con Martella che di testa apre per Stoian in area, passaggio di ritorno e sinistro micidiale all’angolino dell’esterno sinistro che segna la sua seconda rete in serie B.
La ripresa inizia con un Crotone più deciso, ed al 62’ arriva l’espulsione di Balzano che, già ammonito, atterra Budimir che aveva vinto un contrasto e stava ripartendo a campo aperto. Da questo punto in poi la partita è in mano ai crotonesi che creano diverse occasioni colpendo anche una traversa con un cross di Ferrari. In più occasioni Claiton e compagni sembrano sul punto di chiudere il match e la rete del 3-1 arriva: azione potente di Budimir che va in area e tira a colpo sicuro, il portiere respinge e sulla ribattuta irrompe come un falco Ricci che segna.
Passano pochi minuti ed il Crotone va vicino al poker: fallo di mano in area e rigore con conseguente espulsione del già ammonito Krajnc. Dal dischetto va Salzano, appena entrato, ma Storari indovina il suo tiro piuttosto debole. Il finale è una formalità. Un Crotone stupendo batte la squadra più quotata del campionato e torna in testa, ora la serie A è molto più che un sogno.

Lascia un commento

Scroll To Top