Spettacolo nel derby tra Metal Carpenteria e Fidelis Torretta: la spuntano le pitagoriche al quarto set

Spettacolo nel derby tra Metal Carpenteria e Fidelis Torretta: la spuntano le pitagoriche al quarto set

METAL CARPENTERIA KR-FIDELIS TORRETTA 3-1
(Parziali 24-26, 26-24, 25-12, 25-14)

METAL CARPENTERIA: Bitonti, D. Cosentino, Scida, Cesario (L), De Franco, Malena, S. Reale, A. Cosentino, Sitra, Muscò, Negroni. Allenatore: Asteriti.

FIDELIS TORRETTA: M. Reale, Sposato, Scerra, Stasi (L), Maida, Costanzo, Carluccio, Gangale, Pugliese, Petruk, Lettieri, Cavallaro. Allenatore: Bastone:

ARBITRO: Antonio Mazza di Catanzaro

 

Così come all’andata anche nel ritorno a Crotone il derby tra Metal Carpenteria e Fidelis Torretta ha offerto un grandissimo spettacolo. Le due squadre si sono battute senza esclusione di colpi con le ospiti di mister Bastone autrici di una grande rimonta nel primo parziale e le crotonesi brave a non perdere la testa e a reagire nel momento clou. La gara è stata spostata proprio all’ultimo istante dal vicino Palakrò alla vicinissima palestra del Quarto Circolo del plesso di Via Saffo per problemi tecnici. Il pubblico delle grandi occasioni ha fatto da splendida cornice all’evento, iniziato con la consegna di un mazzo di mimose per tutte le atlete e le dirigenti di entrambe le squadre, un dono fatto direttamente dall’Oasi dei fiori di Antonio Laudari.

Dopo i convenevoli di rito è subito battaglia: pronti-via e la Metal Carpenteria scappa grazie ai colpi del capitano Bitonti e degli altri attaccanti che non sbagliano praticamente nulla grazie alla regia sempre varia di Marta Negroni. Ogni schiacciata delle padrone di casa è accompagnata da un’ovazione del pubblico, si arriva fino al 21-16 e per le crotonesi sembra tutto facile. Ma arriva un blackout, la Fidelis infila cinque punti consecutivi, pareggia e dopo si porta addirittura i vantaggio. La Metal Carpenteria si sveglia, reagisce e si arriva al 24 pari. Le ragazze di Torretta però vogliono completare a tutti i costi la rimonta. E ci riescono, portandosi via il set 24-26 trascinate come sempre dal capitano Costanzo.

La partita si fa dura per Crotone, che però non ha nessuna intenzione di mollare. Il secondo set si gioca punto a punto, schiacciata a schiacciata. Anche in difesa le squadre lavorano bene con il pallone che in alcune situazioni non vuole proprio saperne di cadere. In casa Metal Carpenteria Debora Cosentino sembra avere mille mani, arriva ovunque e nello stesso attacca nel “ruolo” ruolo in posto 4. Anche in questo caso si va ai vantaggi ma questa volta i denti li mostra Crotone che chiude 26-24 con il pubblico in visibilio. La partita finisce praticamente qui: ritrovata un po’ di tranquillità le ragazze di casa riorganizzano le idee, Negroni non dà nessun punto di riferimento alle avversarie e le crotonese spesso e volentieri si trovano a schiacciare senza muro.

Le giocate delle ragazze pitagoriche sono spettacolari, a volte roba da stropicciarsi gli occhi. Sale in cattedra anche Antonella De Franco che fa malissimo alla sua ex squadra con attacchi potenti e veloci. La Fidelis non demorde, ma non basta. Il divario sia nel terzo che nel quarto set è nettissimo e a nulla servono i cambi operati da mister Bastone. La Metal Carpenteria conquista altri tre punti importanti e spera di ripercorrere, dopo la vittoria del girone d’andata con la Fidelis, lo stesso percorso che aveva portato ben otto vittorie consecutive.

Questa la classifica del campionato di Serie C dopo la ventesima giornata: Yamamay Lamezia 57, Futura Volley 50, Eurofiscon Ekuba 50, Panificio Colacchio 44, METAL CARPENTERIA 41, Deseta Casa Cs 35, Di Dieco 34, Costa Viola 28, Elio Sozzi 23, Fidelis Torretta 13, Paper Moon 13, Sensation 11, G.M. 11, Stella Azzurra 10.

 

Lascia un commento

Scroll To Top