Seconda categoria, Albi penalizzata di un punto e brutta pagina da cancellare

Seconda categoria, Albi penalizzata di un punto e brutta pagina da cancellare

Poco prima di Capodanno il giudice sportivo si era pronunciato su quanto successo in Albi-Crucolese. Confermato il risultato di 2-2, in quanto ciò che è successo è avvenuto secondo il direttore di gara dopo la fine del match. Il comunicato del giudice sportiva racconta di episodio che mai vorremmo avvenissero sui nostri campi di gioco. Un brutto scivolone per la società catanzarese che ci auguriamo resterà isolato, anche perchè avvenuto su un campo da sempre considerato tranquillo. Ecco il testo di quanto apparso sul comunicato del giudice sportivo territoriale di Catanzaro:

Gara del 18/12/2016 ALBI – CRUCOLESE A.S.D.

Il Giudice Sportivo Territoriale, riesaminati gli atti ufficiali dopo avere acquisito i chiarimenti richiesti all’arbitro, si rileva quanto segue. Subito dopo la conclusione della gara l’arbitro è stato accerchiato dai calciatori e dall’allenatore della Società Albi, nonchè dall’assistente dell’arbitro Amelio Luigi Andrea e dal dirigente Giancotti Salvatore della stessa società. Questi tesserati hanno contestato l’arbitro per il suo operato in modo acceso e veemente ed un calciatore non identificato lo ha colpito con tre calci alla caviglia ed una violenta testata alla tempia destra che gli ha provocato forte dolore ed un senso di stordimento.

Nel frattempo dagli spalti i sostenitori della Società Albi incitavano i calciatori a colpire ancora l’arbitro. Il sollecito intervento del Dirigente accompagnatore ufficiale della Società Albi consentiva al direttore di gara di raggiungere gli spogliatoi senza subire ulteriori intemperanze. Successivamente l’arbitro è stato accompagnato per un tratto di strada dai carabinieri, intervenuti dopo essere stati contattati telefonicamente dalla madre dello stesso arbitro, ed una volta rientrato in sede si è recato per sottoporsi a visita medica presso il Pronto Soccorso dell’Azienda Ospedaliera Pugliese Ciaccio di Catanzaro, dove gli è stato diagnosticato un trauma cranico senza perdita di coscienza, con prognosi di gg. 3, come da certificato che viene allegato al referto.

Tutto ciò premesso, considerate le responsabilità dei tesserati della Società Albi per l’atto di violenza subito dall’arbitro, considerato il comportamento ostile ed offensivo nei suoi confronti da parte dei sostenitori, rilevato altresì che la Società Albi non ha fornito all’arbitro alcuna richiesta d’intervento della Forza Pubblica, visti gli art. 18 e 19 del C.G.S., nonchè l’art. 3 per cui il capitano della squadra risponde degli atti di violenza commessi in danno dell’arbitro da calciatori non individuati, a scioglimento della riserva di cui al C.U.nº 44 del 22/12/2016, dispone

1. di infliggere alla Società POL. Albi un punto di penalizzazione in classifica e l’ammenda di euro 60,00(sanzione limitata per il comportamento lodevole a tutela dell’arbitro da parte del dirigente accompagnatore ufficiale Mauro Centola);

2. di inibire fino al 3 FEBBRAIO 2017 i dirigenti GIANCOTTI Salvatore (Pol. Albi) e AMELIO Luigi Andrea (Pol. Albi); di squalificare fino al 3 FEBBRAIO 2017 l’allenatore CANINO Nicola (Pol. Albi);

3. di squalificare fino al 30 GIUGNO 2017 il calciatore PICCOLI Salvatore (Capitano Pol. Albi) (tale provvedimento va considerato ai fini dell’applicazione delle misure amministrative previste a carico della società in base all’art. 16 c. 4bis del C.G.S.)

Lascia un commento

Scroll To Top