Roccabernarda, via Pironaci arriva Milano!

Roccabernarda, via Pironaci arriva Milano!

(nella foto Salvatore Milano quando indossava la maglia dell’Isola C.R.)

Ore di fermento in casa Roccabernarda, la società dei presidenti Rosa e Brittelli torna sul mercato per cercare di rinforzare la rosa, apparsa con qualche difetto durante i test di Coppa Italia. In entrata ecco l’arrivo del duttile Salvatore Milano, giocatore importante per la categoria soprattutto per la sua propensione a coprire più ruoli del campo, infatti durante la sua carriera è stato utilizzato dovunque: esterno offensivo, terzino, centrocampista centrale e seconda punta. Dunque un jolly a disposizione di mister De Rito, che arriva dopo l’esperienza a Cutro della passata stagione.

Proprio col Cutro aveva iniziato anche questa stagione, poi però qualcosa non ha funzionato e Milano si è ritrovato sul mercato, ne ha approfittato subito il diesse Toscano, che ha contatto il calciatore e lo ha portato alla corte del suo mister.  La sua miglior stagione è stata sicuramente quella con la casacca dell’Isola, nella stagione 2010/11, l’anno dei play off, stagione nella quale Caligiuri ha spesso utilizzato il classe 88’ in più ruoli del campo, diventando utilissimo per lo scacchiere del tecnico di Savelli.

Inoltre, dall’Isola Capo Rizzuto arriva il classe ’95 Cristian Grisi, giovane centrocampista centrale, capace di giocare anche nel ruolo di esterno sinistro basso, Grisi aveva già fatto il suo esordio da titolare con la maglia giallorossa nella sfida di coppa contro il Cotronei.  In uscita invece, l’attaccante Pironaci, che per problemi personali lascia il gruppo, di conseguenza la società perde anche il classe ’95 Maiolo, pedina fondamentale per la squadra che effettuava i suoi viaggi proprio con l’attaccante catanzarese. Per lo stesso motivo potrebbe lasciare il gruppo anche il giovane Falcone, classe ’94. Ora, la società è a lavoro per cercare il sostituto di Pironaci in attacco, non è da escludere un ritorno di Giungato, in lista anche un nome importante per la quale la dirigenza non svela ancora l’identità.

Lascia un commento

Scroll To Top