Rimonta Sant’Anna nel derby in casa del Cotronei. Buona la prima per Piperis

Rimonta Sant’Anna nel derby in casa del Cotronei. Buona la prima per Piperis

(nella foto Salvemini, autore del gol vittoria)

COTRONEI-SANT’ANNA 1-2

COTRONEI: Sestito – Olivo (71’ Frijio) – Oreste – Amoruso – Basile – Mercurio – Maiorano – Macrì (80’ Camposano ) – Berlingieri – Conversi – Corigliano.  In panchina: Barberio – Scavelli – Mcgranaghan – Federico. All. Trapasso.

SANT’ANNA: Menzà – Venneri – Giardina – Scigliano – Fico – Rodio – De Meco (90’ Muto ) – Bagnato (83’ Vrenna ) – Salvemini – Federico – Calabretta (63’ Petrocca) – In panchina: Scarfò – Fragale – Piperis – Felicetti. All. Piperis.

ARBITRO: Di Maro di Cosenza – Assistenti: Fiorentino e Iulianelli

MARCATORI: 6’ Conversi (rig.) – 51’ Fico – 79’ Salvemini

NOTE: Espulso Maiorano (C) al 83’

 

COTRONEI – Inizia male l’avventura di mister Filippo Trapasso sulla panchina del Cotronei. Una squadra impacciata e senza personalità ha ceduto domenica pomeriggio tre punti d’oro al Sant’Anna, che alla guida dell’appena arrivato Piperis ha compiuto l’operazione sorpasso in classifica proprio a danno dei giallorossi. Il tecnico catanzarese, artefice nella passata stagione di una caparbia rimonta servita a mantenere la squadra in Promozione, già prima dell’inizio della partita è apparso consapevole del fatto che il lavoro da fare sarà tanto per ritentare di cogliere l’obiettivo dell’anno scorso, così come sarà necessario ricorrere al mercato invernale di dicembre per quadrare i reparti della compagine cotronellara.

Come spesse volte in questo campionato, anche domenica gli uomini di capitan Olivo erano andati in vantaggio dopo un avvio scoppiettante. Già in apertura Macrì insidiava la porta ospite con un tiro finito poco sopra la traversa. Ed al minuto numero 6 Manuel Conversi era bravo a procurarsi un rigore costringendo al fallo Fico. Lo stesso Conversi si presentava al tiro dagli undici metri realizzando l’1 a 0, anche se il bravo Menzà riusciva a toccare il pallone. Il Sant’Anna ha avuto il merito di non scomporsi dopo il gol quasi a freddo, e Sestito era chiamato all’intervento risolutivo su una bella iniziativa del veloce De Meco. Al 16’ ancora Conversi suonava la sveglia per Menzà, pronto a deviare in angolo. Due minuti dopo l’estremo sant’annese si ripeteva su Berlingieri. L’orologio segnava la mezz’ora quando è Sestito a dover opporsi con esperienza al tiro di Salvemini, mentre al 36’ Basile, alla fine migliore in campo per i suoi, sbrogliava sulla linea una situazione pericolosa nata da un’incomprensione tra il portiere di casa e capitan Olivo.

Si va al riposo con il Cotronei in vantaggio e la speranza del pubblico locale di festeggiare a fine partita. Ci pensa Fico a raffreddare subito gli entusiasmi, con un cross beffardo che al 6’ della ripresa scavalca Sestito e s’insacca sotto l’incrocio. A quel punto il gioco del Cotronei comincia a latitare. Le azioni nascono da iniziative personali che insidiano Menzà in più occasioni ma non portano a nulla. Ci prova Macrì su punizione ma il portiere ospite para sicuro. Poi è il giovane Maiorano a tirare da fuori e a sfiorare l’incrocio dei pali. Con i locali protesi in attacco il Sant’Anna si fa pericoloso in contropiede. Al 68’ Salvemini incrocia da solo in area e spara fuori di pochissimo. Dopo tre minuti si accendono le proteste dei giallorossi perché il primo collaboratore dell’arbitro alza la bandierina proprio mentre Corigliano riusciva a segnare un bel gol. La doccia fredda arriva al 79’. Veloce azione corale degli uomini del presidente Maiolo, con la palla che arriva tra i piedi di Salvemini. Il centravanti si libera del diretto avversario e batte nuovamente Sestito con un rasoterra a fil di palo. Le cose si complicano quando il Cotronei resta in 10 per l’espulsione di Maiorano (minuto 83’). Poi è Basile che si prende la squadra sulle spalle e cerca di risolvere da solo le sorti della partita. Al 45’ Menzà gli dice no di piede, ed in pieno recupero gli nega il gol con una deviazione all’ultimo istante. Arriva il triplice fischio del sig. Di Maro. Si accendono i fari al “Salvatore Baffa”, ma per il Cotronei continua ad essere buio pesto (fratimp)

fonte: Il Crotonese

Lascia un commento

Scroll To Top