Rari Nantes, parla Vincenzo Arcuri: “Non tutelati, ma non ci fermeremo”

Rari Nantes, parla Vincenzo Arcuri: “Non tutelati, ma non ci fermeremo”

Senza andare in acqua da 10 giorni.
Senza nessun allenamento.
Senza alcuna preparazione.
Solo con l’orgoglio e la passione.
Insieme ai ragazzi ed alle famiglie.

Non abbiamo una piscina che ci consenta l’allenamento. Nessuno che ci dia una risposta seria, concreta. È dal 5 Agosto che ci dicono che l’impianto riaprirà quanto prima. Sono passati inutilmente 100 giorni.

L’impianto olimpionico comunale è attivo in ogni sua componente, ma ci viene negato all’utilizzo, incomprensibilmente. Sebbene risultiamo aggiudicatari di spazi acqua, in virtù di offerte economiche presentate all’amministrazione comunale.

Abbiamo, altresì, avanzato proposte, inviato lettere e considerazioni.
Niente di niente. Nessuna risposta.

Eppure, nonostante tutto, i nostri ragazzi continuano a giocare, competere, vincere. Rappresentare la Città ovunque.

Ieri è stata la giornata dei nostri Under 15: Alessandro Corigliano, Alessio Nitti, Antonio Muraca, Carlo Astorelli, Carmine Greco, Davide De Lucia, Davide Loria, Domenico Marrazzo, Federico Scalise, Francesco Gerace, Giacomo Vasovino, Giovanni Monterosso, Giovanni Perruccio, Giuseppe De Sole, Niccoló Alessio.

47 goal fatti e 11 subiti. 4 partite, 4 Vittorie. Girone di qualificazione preliminare stravinto.

Partiti alle 8.00 alla volta di Taranto, rientreranno non prima delle 23.00. E domani andranno tutti a scuola a fare il loro dovere di studenti crotonesi. Si perché questi ragazzi sono crotonesi. Anche se non vedono l’ora di essere grandi per lasciarsi alle spalle questa città e i suoi paradossi.
Senza allenamento. Senza andare in acqua. Atleti con la A maiuscola. Facile esserlo quando tutto va bene. Hanno il vero senso dello sport dentro le loro anime. Sanno cosa vuol dire. Non accettano di mollare. Non gli interessa quale sia il significato di uno slogan senza valore “Crotone Città dello sport”. Hanno il senso di raccontarlo con i fatti. Vogliono solo stare insieme. Praticare lo sport che amano. E per questo a diciotto anni andranno via da Crotone. Anche loro.

La Rari Nantes non si fermerà, continuerà ad andare avanti sino alla strenuo delle forze. Ottempereremo a tutti gli impegni che abbiamo preso con la Federazione, facendo affidamento sulle indicazioni che l’amministrazione comunale dal 5 agosto in poi ha fornito a tutti.

Andremo a giocare anche senza fare un solo allenamento. Perché?
Perché abbiamo preso un impegno con questi ragazzi fantastici – e con loro tutti gli altri che rappresentano la Rari Nantes Auditore Crotone – con i loro genitori e con tutti quanti ci sostengono, e non esiste che ci tiriamo indietro. Siamo crotonesi. Ma non quelli che scappano davanti alle difficoltà, che si nascondono dietro l’inettitudine, l’irresponsabilità ed il menefreghismo.

Ci tuteleremo in ogni sede, se necessario.

Ma la Rari Nantes Auditore non si fermerà.

Abbiamo un impegno con i nostri ragazzi.

Vincenzo Arcuri

Lascia un commento

Scroll To Top