Puliverde Crotone ridimensionata: brutta sconfitta in casa del Noci

Puliverde Crotone ridimensionata: brutta sconfitta in casa del Noci

(nella foto Perri e Liotti)

Pallamano Noci – Puliverde Crotone: 35 – 27 (risultato pt: 21 – 18)

PALLAMANO NOCI: Bruno 1, De Finis 2, D’Aprile 10, Degiorgio, Giannini, Guagnano 2, Laera 1, Malena 9, Parisi 5, Potone, Piepoli 1, Parchitelli, Ritella 1, Spinozza 3. All.: Iaia.

PULIVERDE CROTONE: Cortese, Fiorenza 3, Perri 12, Lonetto 2, Gentile 1, Pedullà 6, Mariano 3, Calabrò, Malerba, Lo Guarro. All.: Cusato.

ARBITRI: Tesse e Fasano.

 

Si interrompe a sei la striscia di risultati utili consecutivi della Puliverde Crotone che capitola sul campo della fortissima Pallamano Noci. Sconfitta pronosticabile alla vigilia ma che è arrivata con un divario troppo ampio. È amareggiato il tecnico della Pallamano Crotone Antonio Cusato perché non ha visto in campo quanto preparato scrupolosamente in settimana al Palakrò. Se in attacco la squadra si è comportata discretamente così non è stato in difesa. I rossoblù non sono riusciti a contenere gli attacchi dei bravi giocatori nocesi, specie nel secondo tempo.

Nella prima frazione di gioco, più con il carattere che con la tecnica ed il gioco di squadra il Crotone ha tutto sommato contenuto gli avversari che non sono riusciti ad andare all’intervallo con un margine rassicurante. Nella ripresa però la Puliverde, probabilmente in debito d’ossigeno anche per via dei pochi cambi, non è riuscita mantenere il passo ed i padroni di casa hanno preso il largo aggiudicandosi meritatamente la vittoria. Che il Crotone fosse in una fase involutiva lo si è capito alla ripresa del campionato quando ha faticato contro il fanalino di coda Ginosa e riuscito a piegare la resistenza della Pallamano Fasano solo nei minuti finali.

La Pallamano Noci è ben altro avversario, serviva una prestazione diversa, che a tratti è anche arrivata, ma non è bastata. C’era bisogno di dare più del massimo e sul campo pugliese la Puliverde Crotone non è riuscita a farlo. Sono diversi gli elementi che ancora non hanno ripreso la condizione fisica ottimale ed in settimana si lavorerà sodo per migliorare questo aspetto. Prima della sosta natalizia la Pallamano Crotone aveva trovato equilibrio in campo e condizione atletica. Si temeva la sosta ed i timori si sono rivelati fondati.

Certamente non è tutto da buttare, ma da questa sfida le ambizioni dei rossoblù escono ridimensionate. Non c’era bisogno di questa partita per sapere che serve sempre il massimo per vincere, ma se la squadra vuole continuare la scalata alla classifica deve cambiare atteggiamento e soprattutto ritrovare condizione e spirito del finale del girone di andata, altrimenti meglio rassegnarsi ad un campionato da comprimari.

Lascia un commento

Scroll To Top