Pari a reti bianche del Crotone a Livorno. Padroni di casa in 10 per oltre un’ora

Pari a reti bianche del Crotone a Livorno. Padroni di casa in 10 per oltre un’ora

LIVORNO-CROTONE 0-0

LIVORNO: Pinsoglio; Antonini, Ceccherini, Vergara, Gasbarro; Luci, Schiavone, Biagianti (dal 20′ st Moscati), Vajushi (dal 9′ st Cazzola), Jelenic, Baez (dal 42′ st Comi). In panchina: Ricci, Emerson, Lambrughi, Palazzi, Bunino, Vantaggiato. Allenatore: Panucci.

CROTONE: Cordaz; Balasa (dal 28′ st Zampano), Claiton, Ferrari; Di Roberto, Barberis (dal 43′ st Paro), Salzano, Martella; Ricci, Budimir, Stoian (dal 32′ st Torromino). In panchina: Festa, Garcia Tena, Cremonesi, Sabbione, Capezzi, De Giorgio. Allenatore: Juric.

ARBITRO: Saia di Palermo.

AMMONITI: Ricci (C), Ferrari (C), Gasbarro (L), Pinsoglio (L).

ESPULSO: 19′ pt Luci (L) per gioco violento.

 

Serata che si rivela positiva il Crotone, visto che i rossoblù guadagnano un altro punto sul Pescara, ora indietro di 11 punti. Contro il Livorno la gara è stata intensa per i primi 20 minuti, con diverse occasioni da una parte e dell’altra. Al 19′ la possibile svolta: Luci entra col piede alto su Martella, colpendolo alla spalla. Una giocata assurda, incomprensibile, che merita il rosso come giustamente decide l’arbitro Saia. Il capitano del Livorno ha il coraggio di protestare, così come i suoi compagni e l’allenatore Panucci, allontanato anche lui per proteste.

Con l’uomo in più per il Crotone la gara cambia. Il Livorno arretra il baricentro e chiude tutti gli spazi. Il solo Baez, bravissimo, tiene da solo in apprensione la retroguardia calabrese. Qualche occasione il Crotone la costruisce, due volte con Ricci, una volta con Stoian e Claiton. Non c’è però grande lucidità negli ultimi 15 metri, e la partita scivola via su uno 0-0 che lascia l’amaro in bocca per quello che poteva essere, ma accontenta per i risultati che giungono dagli altri campi.

 

 

Lascia un commento

Scroll To Top