Pallavolo, a Reggio Calabria vince al tie-break la Metal Carpenteria

Pallavolo, a Reggio Calabria vince al tie-break la Metal Carpenteria

COSTA VIOLA RC-METAL CARPENTERIA CROTONE 2-3
Parziali: 22-25; 16-25; 25-18; 25-18; 13-15

COSTA VIOLA RC: Ambrosio, Bellantoni, Bianchini, Cangemi, Fulco, Giordano, Livia, Mafrici, Mordà, Nava. Allenatore: Santacaterina

METAL CARPENTERIA KR: Bitonti, Cosentino A., Lorenzetti, Muscò, Pioli, Previtera, S. Reale, M. Reale, Scida, Vrenna, Pacecca, Stasi. Allenatore: Asteriti

ARBITRI: Sodano e Marciano di Vibo Valentia

REGGIO CALABRIA – Finisce come all’andata: la Metal Carpenteria si impone al quinto set di fronte ad una Costa Viola mai doma. Rispetto all’andata le reggine si sono rinforzate molto, dopo aver recuperate palleggiatrice e libero la compagine di Santacaterina ha ingaggiato Ambrosio che ha elevato il tasso tecnico e fissato nuovi obbiettivi; dall’altra parte il Crotone orfano di Debora Cosentino sostituita egregiamente da Silvia Reale e di Marta Scida sostituita, invece, dal jolly Carmen Vrenna. Inizio gara non dei migliori per la Metal Carpenteria che arranca e va sotto fino al 13-8, time out di mister Asteriti che cambia subito Vrenna fallosa sotto rete con Aryanna Muscò, le cose migliorano, il recupero è questione di pochi scambi. Le scelte della panchina funzionano, Miriam Reale chiamata dalla panchina a sostituire Federica Lorenzetti per alzare il muro risponde benissimo e si chiude sul 25-22.

Al rientro in campo Asteriti conferma Musco’ e Lorenzetti, si parte a razzo con Silvia Reale che mette 9 battute consecutive, il 9-0 sembra spianare la strada alla Metal Carpenteria che durante tutto il set amministra il vantaggio.

Al cambio campo Crotone perde concentrazione, la Costa Viola reagisce e fino al 18-15 regna l’equilibrio. A complicare le cose si mettono diverse decisioni arbitrali dubbie e si arriva fino al 2-2. Al tie-break la tensione e’ alle stelle.La reazione della Metal Carpenteria e’ grandiosa, il primo break e’ del Crotone che si porta fino al 10-7, poi la reazione del Costa viola fino all’11-11 nelle rotazioni positive; con il turno in battuta di Previtera e Lorenzetti si arriva al 14-11, ancora la reazione delle padrone di casa che si portano ad una lunghezza per poi arrendersi.

Mister Asteriti: “In settimana avevo detto che per noi fino alla fine del campionato saranno finali che dovremo affrontare con il coltello tra i denti, vincere su un campo difficile contro una squadra che si è rinforzata dall’andata ci da autostima e consapevolezza di  essere sulla strada giusta”.

Lascia un commento

Scroll To Top