Pallanuoto serie C, vittoria in scioltezza per la Rari Nantes Auditore in casa del Taranto

Pallanuoto serie C, vittoria in scioltezza per la Rari Nantes Auditore in casa del Taranto

(nella foto Pasquale Oppido)

MERIDIANA TARANTO – R.N. AUDITORE CROTONE = 9 – 17

Meridiana Taranto: Lazich, Aprea, Valloni, Guarrasi, Lanzon, Selim, Coletta, Gammino, Di Mitri, Candia, D’Andria, Mascellaro, Apicella. Tecnico: Sig. Daniele La Gioia.

R.N. Auditore Crotone: Sibilla, Oppido P., Amatruda, Arcuri, Candigliota, Campana, Riganello, Camposano, Marino, Lucanto, Chiodo, Oppido, Cavallaro. Tecnico Sig. Francesco Arcuri.

ARBITRO: Sig. Angelilli di Taranto.

 
Terzo risultato utile consecutivo, secondo in trasferta, per la formazione crotonese che ha iniziato nel modo migliore il girone di ritorno nel Campionato Nazionale di Pallanuoto Serie “C”.
La R.N. ha vinto con prepotenza l’incontro che l’ha vista opposta alla formazione pugliese del Meridiana Taranto. Impegno sulla carta certamente non difficile ma giocare fuori casa è sempre un incognita e questo l’Auditore lo sa bene.

In acqua una squadra imbottita di giovani per un match utile ad acquisire esperienza per il futuro. Con Sibilla tra i pali, ottima la sua prestazione, anche Amatruda, Candigliota, Riganello, Camposano, Marino, Lucanto, Chiodo, Mario Oppido e Cavallaro ovvero il futuro prossimo della formazione Pitagorica. Inizio combattuto con il Meridiana fortemente motivato a fare bella figura e gli ospiti vogliosi di proseguire nella striscia positiva di risultati. Primo tempo equilibrato con le due formazioni che si sono affrontate a viso aperto. La doppietta di Amatruda e Candigliota a far capire da subito l’obbiettivo del Crotone. Il quattro a tre per i calabresi motivato dalla capacità di sfruttare al meglio le superiorità numeriche e dalla buona applicazione degli schemi in fase difensiva.
Ancora combattuto il secondo tempo con l’Auditore a patire troppe espulsioni, ben 4, ed il Meridiana a sfruttarle per rimanere in partita. Arcuri, Candigliota e Lucanto a mantenere in essere l’esiguo vantaggio di una rete.

Al cambio campo, sul 4-3 per i Pitagorici, Mister Arcuri incita la sua squadra a cambiare passo aumentando notevolmente la velocità in acqua allo scopo di metter in crisi gli avversari. I ragazzi concretizzano al meglio i dettami del Mister e la partita cambia volto con il Meridiana in crisi e l’Auditore che vola. Il punteggio parziale di 8-3 del terzo tempo chiude praticamente l’incontro a vantaggio dei crotonesi. Le reti di pasquale Oppido, Vincenzo Arcuri, doppietta, Marino, Lucanto e tripletta del mancino Chiodo.
Ultimo tempo in scioltezza con la Rari tranquilla a gestire il vantaggio ed il Meridiana impegnato a limitare il passivo. Per i crotonesi in rete ancora Chiodo ed Amatruda.

Lascia un commento

Scroll To Top