Pallanuoto serie B, la Rari Nantes Auditore perde in casa con la capolista Catania

Pallanuoto serie B, la Rari Nantes Auditore perde in casa con la capolista Catania

(nella foto Morrone, autore di 4 reti)

Rari Nantes “Auditore” Crotone – Asd Waterpolo Catania 8 -11 (1-2; 2-5;1-0; 4-4)

Rari Nantes Auditore: Palermo, Chiodo, Amatruda, Arcuri V., Graziano, Trocciola 2, Candigliota, Morrone 4, Spadafora 1, Karacsony 1, Lucanto, Fusto, Cavallaro. Allenatore: Sig. Arcuri F.

Asd Waterpolo Catania: Spampinato G., Ticcioli 2, Viola, Faro, Toldonato 3, Anatirocchi, Arena, Scuderi, Strano, Spampinato M., Scicali, Basile, Sfogliano. Allenatore: Sig. Cannavo’.

Arbitro: Palmieri di Cosenza.

Ancora una sconfitta casalinga per la Rari Nantes Auditore che, tra le mura amiche della piscina Olimpionica di Crotone, viene sconfitta per 8-11 dalla capolista Waterpolo Catania. Una partita molto fisica e combattuta quella di sabato, tra due compagini che hanno cercato per tutto il match di portare a casa la vittoria. Entrambe infatti volevano i tre punti per confermarsi ai piani alti della classifica. Partita nervosa e molto fisica con una direzione di gara che non ha soddisfatto pienamente per un atteggiamento troppo fiscale del Direttore di Gara Palmieri di Cosenza che non ha aiutato lo spettacolo lasciando scontenti vincitori e vinti. Impresa ardua per gli uomini di Mister Arcuri.

I siciliani infatti venivano da una striscia positiva grazie ad un eccellente periodo di forma. Gli ospiti hanno meritato la vittoria perchè capaci di sfruttare meglio le occasioni a loro presentatesi ed approfittare di alcune indecisioni dei calabresi sopratutto in fase conclusiva.

Dopo un primo tempo affrontato dalle due compagini con grande vigore e velocità con gli ospiti in vantaggio per 2-1 ma con i padroni di casa capaci di reggere il confronto, la Rari ha accusato un momento di sbandamento durante la seconda frazione di gioco dove ha sprecato troppo lasciando campo agli avversari che ne hanno immediatamente approfittato portandosi in vantaggio per 1-6. Nel terzo e quarto tempo ottima ma tardiva la reazione dei pitagorici che non è riuscita a concretizzarsi in un “aggancio” ai siculi sia per il notevole gap di punteggio, sia per alcuni episodi sfortunati.

<< ….avevo chiesto ai ragazzi una prestazione che potesse riscattare lo stop casalingo di 15 gg. fa>> ha dichiarato Arcuri <<…..è ovvio che al cospetto di una squadra capolista e con ben altri obiettivi rispetto ai nostri, al minimo errore si viene puniti ciononostante siamo stati molto compatti in difesa e sicuramente più ordinati in attacco>>.

La Rari Nantes rimane comunque ai piani alti della classifica, lontana dalla zona retrocessione. Ora ci sarà un finale di girone d’andata molto impegnativo con l’Acese in casa sabato prossimo, poi in trasferta con il Cosenza. Due match impegnativi ma non impossibili.

Lascia un commento

Scroll To Top