Pallanuoto, per la Rari Nantes Auditore arriva la prima sconfitta in trasferta

Pallanuoto, per la Rari Nantes Auditore arriva la prima sconfitta in trasferta

Basilicata Nuoto 2000 – Rari Nantes “auditore” Crotone 11-6 (2-0; 3-1;1-3; 5-2).

Basilicata Nuoto 2000: Lanzetta (1), Di Palma (3), Centanni (1), Fedeli, Bruschini, Cantarella, Sciubba (2), Di Martire G., Zizza (2), Varriale (1), Campese (2), Magliulo, Di Martire F.. All: Urgesi.

Rari Nantes: Palermo, Oppido, Amatruda, Arcuri, Troccola (2), Candigliota, Morrone (1), Spadafora, Karacsony (1), Lucanto, Chiodo (2), Fusto, Cavallaro. All: Arcuri.

Arbitro: Guarracino di Napoli.

Perde la prima gara in trasferta la Rari Nantes Auditore che sabato scorso è stata impegnata, a Salerno, sul campo della Basilicata Nuoto 2000. E’ stata una sconfitta fortemente condizionata dalle decisioni arbitrali perché la squadra di mister Arcuri, al termine del match, ha registrato la bellezza di 18+2 rigori contro e ben 5 espulsioni, di cui una danni del migliore in acqua dei biancazzurri: Troccola.

Andando a vedere nel dettaglio la gara il Crotone era partito bene nel primo tempo, molto combattuto da entrambe le parti, ma finito comunque 2-0 in favore dei padroni di casa.
Il volto della partita è cambiato nel secondo tempo quando l’arbitro ha espulso con cartellino rosso il crotonese Troccola per proteste. La squadra ha accusato il colpo, segnando il primo punto del match praticamente solo nel finale di parziale.

Nel terzo tempo il Crotone ha provato a riprendere in mano la gara, mettendo in difficoltà l’avversario in più occasioni e chiudendo il parziale con il risultato di 1-3. Purtroppo però l’impegno dei ragazzi di mister Arcuri non è bastato perché il finale di gara ha visto nuovamente i padroni di casa tornare in vantaggio e portare a casa il risultato.

«Non dobbiamo considerare la conduzione arbitrale – ha detto a fine gara il tecnico Arcuricome l’unica giustificazione per la sconfitta. Possiamo e dobbiamo migliorare: però è anche vero che in trasferta, in questa categoria, succede che gli arbitri siano eccessivamente severi con gli ospiti. Dobbiamo farci le ossa e imparare a difenderci».

Il prossimo appuntamento, previsto per sabato 4 febbraio alle 14 nella piscina olimpica di Crotone, vedrà la Rari Nantes Auditore affrontare la squadra più forte del campionato: il Cus UniMe.

Comunicato Stampa

Lascia un commento

Scroll To Top