Pallanuoto, due sconfitte delle squadre crotonesi con la Tubisider Cosenza

Pallanuoto, due sconfitte delle squadre crotonesi con la Tubisider Cosenza

(nella foto l’Auditore Crotone under 17)

R.N. AUDITORE CROTONE U17– TUBISIDER COSENZA U17 5 – 8

RARI NANTES AUDITORE CROTONE U17: Adamo, Lucanto, Amatruda, Greco, Candigliota, Chiodo, Riganello, Bellezza, Basile, Scorza, La Vecchia, Oppido, Cavallaro. Allenatore: Candigliota

TUBISIDER COSENZA U17: Martire, Cerchiara, Mascaro, Bartolomeo, Ponte, Greco, Presta, Bosco, Morrone.

CROTONE – Passo falso del team di Mister Amideo nel campionato di pallanuoto under 17. La Rari Nantes sconfitta in casa dagli ospiti in un incontro molto tirato ed avvincente. Auditore contratta e nervosa per quasi tutto il match, incapace di imbastire trame di gioco proficue pur avendo nel suo organico giocatori di qualità ed esperienza.
Il Cosenza bravo a giocare con umiltà e volontà approfittando dei troppi errori dei padroni di casa ed anche, soprattutto nei primi due tempi di gioco, della cattiva giornata del Direttore di Gara. In effetti la Rari Nantes è apparsa confusa dimostrando un nervosismo esagerato per un match troppo sentito dai giocatori crotonesi.

Ma passiamo alla disamina dell’incontro. Parte forte, anzi fortissimo il Tubisider che nelle prime due azioni di gioco ottiene subito due superiorità numeriche grazie alle espulsioni sul centro boa. L’Auditore non riesce ad organizzarsi anche perchè troppo spesso le sue azioni sono interrotte da “controfalli” chiamati, forse con troppa benevolenza, dall’arbitro cosentino Aldo Greco. La Rari Nantes è nervosa perchè si rende conto di non essere in giornata. Dopo soli due minuti Amideo opera due cambi, Basile per Candigliota e Chiodo per Bellezza ma la situazione non migliora. Nonostante ciò i padroni di casa riescono a conquistare ben tre superiorità numeriche purtroppo fallite. Il Cosenza ringrazia e a soli 5 secondi dal termine del tempo segna il terzo goal dopo un’altra azione contestata dai crotonesi. Riposo con il Tubisider avanti e con l’Auditore ancora imbambolata.

Seconda frazione equilibrata ma sempre però caratterizzata da alcune decisioni arbitrali incomprensibili e, soprattutto, da una inconcludenza e confusione in fase offensiva della Rari Nantes che sbaglia tutto ciò che può sbagliare compreso ben 5 superiorità numeriche ed addirittura un rigore. A metà gara il Tubisider è meritatamente in vantaggio per 5-2.

Al cambio campo la partita diventa più interessante in quanto l’Auditore comincia a far valere la sua condizione atletica ed il Cosenza a pagare l’impegno profuso nei primi due tempi. Gli equilibri si spostano ed i crotonesi cominciano a recuperare il gap fermando il punteggio sul sei a cinque. In difesa Basile diventa protagonista riuscendo ad annullare il centro Boa bruzio ed in fase offensiva, pur continuando a sbagliare troppe conclusioni a rete, Bellezza e compagni sembrano più in palla degli avversari.

Durante il quarto tempo però la Rari, nel forsennato tentativo di vincere la gara, sciupa tutto ciò di che buono crea, dalle superiorità numeriche alle controfughe lasciandosi colpire altre due volte e perdendo l’incontro per 8-5.
In definitiva vittoria meritata dal Tubisider che conquista in solitario la testa della classifica. Per la Rari Nantes sconfitta amara perchè maturata dopo un’infinità di occasioni a rete sbagliate in una giornata in cui tutto è andato storto. Comunque risultato recuperabile nella partita di ritorno a patto di affrontarla con la giusta condizione mentale e determinazione e con un arbitraggio, quello del Sig. Aldo Greco, di maggiore attenzione e di alto profilo in quanto, purtroppo, il bravo direttore di gara, oggi non è stato all’altezza della situazione.

————————————-

LIBERTAS MAKO NUOTO U13-TUBISIDER COSENZA NUOTO U13 5 – 16

LIBERTAS MAKO NUOTO CROTONE: Cappa, Visconti, Galardo, Cosco, Morace, Scalise, Paschino, Ruggiero, Curto.

TUBISIDER COSENZA: Naccarato, Morello, Mandarino, Stellato, Mainelli, Rizzo,De Luca, Donato, Celestino, Vetere, Iaquinta, Sanguellinia.

CROTONE – “Non si può pretendere di più da una squadra che solo quest’anno ha iniziato a giocare a pallanuoto” esordisce così il Presidente Giuseppe Frisenda dopo il fischio finale dell’incontro che ha visto opposte le formazioni della Libertas Mako Nuoto ed il Tubisider Cosenza nel campionato regionale under 13. I ragazzi crotonesi, volenterosi e grintosi, hanno dovuto cedere il passo agli avversari mettendocela tutta per fare bella figura davanti al pubblico amico. I passi avanti si sono fatti, la formazione della Mako appare meglio amalgamata, ma ora come ora l’obbiettivo è solo quello di fare esperienza, di crescere insieme ed affrontare con pazienza e perseveranza un percorso sportivo ambizioso.

Lascia un commento

Scroll To Top