Pallamano Crotone, non riesce l’impresa a Fasano

Pallamano Crotone, non riesce l’impresa a Fasano

Pallamano Fasano – Pallamano Crotone: 28 – 22 (risultato pt: 13 – 9)

PALLAMANO FASANO: Ancona, Angeloni, Ernandes, Grassi, Guarini, Lapadula, Macrone, Palmisano, Pinto, Saponara, Sibilio Si., Sibilio St., Sibilio D., Tari C., Tari D., Tasca. All.: Crastrolla.

PALLAMANO CROTONE: Lo Guarro, Gentile, Mariano, Gallucci, Malerba, Ferraiuolo, Gerace, Vrenna, Berlingeri, Fiorenza, Lucente, Giaquinta, Businelli, Caligiuri, Pedullà, Caristo. All.: Cusato.

ARBITRI: Merone e Iele.

 

Anche se non completamente meritata arriva la seconda sconfitta per la Pallamano Crotone che non riesce ad imporsi sul campo della Pallamano Fasano. A fare la differenza è stata la tenuta mentale più che quella tecnico – tattica o atletica. Per gran parte del primo tempo i rossoblù sono rimasti in partita, attaccati al risultato seppur con qualche difficoltà a sviluppare il proprio gioco, poi un black out per certi versi inspiegabile. In superiorità numerica la squadra non solo non è riuscita a piazzare un breck decisivo, ma lo ha subito e da quel momento in poi è stato un continuo rincorrere affannosamente ed invanamente.

Il punteggio finale con uno scarto di sei lunghezze non esprime il valore delle due squadre, non ci sono e non ci stanno sei punti di differenza né la Pallamano Crotone è squadra da subire quasi trenta gol in una partita. Quella di Fasano però è stata una gara strana specie negli ultimi minuti della prima frazione di gioco che hanno poi pregiudicato il resto dell’incontro. La squadra ha lottato, ma lo ha fatto in maniera disordinata e di conseguenza ha disperso energie risultando poco efficace.

Un campionato partito in salita per la squadra del presidente Giancarlo Giaquinta che però ha tutte la potenzialità per riprendersi e recuperare il terreno perduto. Nel prossimo fine settimana la squadra osserverà il proprio turno di riposo che probabilmente arriva al momento giusto. Il tecnico Antonio Cusato avrà la possibilità di registrare i meccanismi che non hanno funzionato al meglio, recuperare qualche giocatore e di far ripartire la sua squadra con nuovo vigore.

Lascia un commento

Scroll To Top