Nella ripresa tris dell’Akerentia in casa del Real Casino. Clima frizzante nel finale

Nella ripresa tris dell’Akerentia in casa del Real Casino. Clima frizzante nel finale

Clima mite e giornata soleggiata al campo comunale di Castelsilano dove oggi si fronteggiavano per la prima giornata del campionato di terza categoria girone D, due squadre divise da pochi chilometri, ma legati da una profonda rivalità calcistica. Complice un calendario beffardo la partita odierna vedeva coinvolte due compagini unite da un medesimo obiettivo, vincere il derby silano.

A rendere frizzante il clima dell’incontro, la presenza nella compagine di Cerenzia di molti ex (Remo Candalise – Luigi Candalise e Francesco Cimino ) compreso il mister Saverio Candalise. Chi si aspettava un clima disteso all’insegna del bon ton ha ben presto capito quale sarebbe stata l’inerzia della partita, forte agonismo e lotta su ogni pallone. Sguardi tesi, muscoli che non girano per la forte emozione, pronti via ore 14 – 30, inizia l’atteso match. I primi scampoli di gioco facevano ben sperare per la squadra locale, che per tutto il primo tempo, complice un gioco corale ha tenuto sotto assedio la porta del forte portiere ospite Luigi Candalise, numerose le occasioni da rete svanite dai giocatori locali che tra il 10′ ed il 33′ del primo tempo con Lopez, Foglia e Marasco arrivano vicini al bersaglio.

Al 35′ il fatto che muta definitivamente le sorti dell’incontro, azione prolungata del Real Casino, cross dalla trequarti, tiro di Lopez portiere battuto il pallone supera la linea di porta ma l’arbitro incredibilmente non convalida. Finisce il primo tempo e la squadra di Cerenzia sembra sentire troppo la partita, tant’ è che non si rende mai pericolosa.

Inizia il Secondo tempo, ma il gioco corale della squadra locale sembra essere svanito, ed ecco al 55′ arrivare la beffa per merito dell’ottimo n. 11 ospite Audia che in posizione di fuorigioco insacca in rete per il vantaggio. Iniziano i primi cambi che ancora una volta premiano la squadra ospite, questa volta con Nigro entrato da pochi minuti che insacca da fuori. Massimo risultato con il minimo sforzo.

Sullo 0-2 la squadra locale sembra aver subito il colpo, ma cerca di trovare con la forza dei nervi, il goal che potrebbe riaprire il match , ed ecco in un azione convulsa l’opportunismo di Piccolo Pierluigi che con un gran goal di testa accorcia le distanze quando siamo al 75. A questo punto la squadra di casa si proietta in avanti per arrivare al pareggio, ma le azioni si infrangono contro l’ottima difesa del Cerenzia, che in inferiorità numerica si arrocca a difesa della propria porta . Nonostante lo sforzo profuso arriva il terzo goal del Cerenzia a partita ormai conclusa ( 92) ad opera di Procopio.

Al fischio finale da segnalare scambi di vedute accese tra i componenti delle due squadre. Un po’ di tensione ma alla fine niente di grave. Delusione per la squadra di casa ma la fiducia è molta per un progetto che vede come segno distintivo la maturazione dei giocatori locali.

Ferdinando Spina

Lascia un commento

Scroll To Top