Nel finale l’Akerentia riesce a sfondare e piega il Cirò Marina con Marazita ed Oliverio

Nel finale l’Akerentia riesce a sfondare e piega il Cirò Marina con Marazita ed Oliverio

(nella foto Salvatore Oliverio, autore del secondo gol)

AKERENTIA-CIRO’ MARINA 2-0

AKERENTIA: 12 Candalise Luigi, 2 Candalise Remo, 3 Figliuzzi, 4 Marra Roberto, 5 Perri, 6 Leone, 7 Pedace, 8 Scarcelli, 9 Nigro A.,10 Oliverio, 11 Marazita. In panchina: 1 Staine,13 Lariano, 14 Procopio, 15 Iaconis, 16 Lopez Roberto, 17 Fragale, 18 Barberio. Allenatore: Candalise Saverio.

CIRO’ MARINA: 1 Rizzo, 2 Vulcano, 3 Siena, 4 Leonetti, 5 Laise, 7 Filippelli, 8 Manno, 9 Germinara, 10 Tucci, 11 Pizzuto. In panchina: 12 Dell’Aquila, 13 Passalacqua, 14 Di Franco, 15 Di Bartolo, 16 Malena, 17 Albi, 18 Pirito. Allenatore: Tucci.

ARBITRO: Lumare di Crotone.

MARCATORI: 40′ st Marazita, 42′ st Oliverio.

ESPULSI: 27′ pt Leonetti (C), 26′ st Leone (A).

 

L’Akerentia torna a vincere e lo fa contro un Cirò Marina che la precede ancora in classifica, vittoria meritata conquistata nei minuti finali. Nel primo tempo pochi episodi da segnalare, al 27 ° viene espulso per somma di ammonizioni il numero 4 degli ospiti Leonetti; in superiorità numerica con l’ottima regia di Scarcelli Gianluca, L’Akerentia sfiora 2 volte il vantaggio, al 34′ Con Nigro A.,con un tiro ravvicinato respinto da Rizzo, e con Marazita al 43° con un bel colpo di testa in tuffo neutralizzato dallo stesso estremo difensore.

Nel secondo tempo l’Akerentia assedia la retroguardia del Cirò Marina e si vede negare 2 rigori sacrosanti dall’arbitro Lumare. Al 26 ° viene ristabilita la parità numerica con l’espulsione ingiusta del capitano dei padroni di casa, Leone Antonio per aver chiesto chiarimenti su una decisione arbitrale. La partita diventa incandescente, e Procopio entrato al 20′ della ripresa cambia il volto della gara, prima procurandosi al 40 ° la punizione dal limite, che Marazita trasforma con un tiro perfetto nell’incrocio, e poi 2 minuti dopo regalando l’assist ad Oliverio Salvatore che raddoppia con una splendida rovesciata che si insacca nel’angolino destro e chiude di fatto la partita.

Ora il mister Candalise deve dare fiducia al gruppo che deve aver continuità di risultati se vuole credere in una rimonta che porterebbe l’Akerentia a ridosso delle grandi, e non avere incidenti di percorso come avvenuto in precedenza, solo così si può guardare al futuro con ottimismo.
Teodoro Talarico

Lascia un commento

Scroll To Top