Metal Carpenteria Rari Nantes, si chiude un anno di grandi soddisfazioni

Metal Carpenteria Rari Nantes, si chiude un anno di grandi soddisfazioni

Si è conclusa la lunghissima stagione della Metal Carpenteria Rari Nantes Crotone. Un’altra stagione destinata a restare nella storia della società sportiva. Il titolo di Campione d’Italia Under 17 e la partecipazione al Campionato di Serie A2 hanno griffato la stagione, cristallizzando un risultato inatteso: Crotone, nella pallanuoto, è ai massimi livelli in Italia. Nella serata di mercoledì il presidente Emilio Ape, i dirigenti, i tecnici, coordinati da mister Kekko Arcuri, e tutti i ragazzi ed un nutritissimo gruppo di genitori hanno dato vita alla classica festicciola di fine anno. La società, oltre a ricordare gli splendidi risultati ottenuti, serie A, quarti di finale scudetto Under20, titolo di Campione d’Italia Under 17, terzo posto nel proprio Campionato interregionale per la Under 15, e quarto posto per la Under 13, ha voluto omaggiare uno per uno attraverso medaglie in vetro, realizzate e donate dalla Vetreria Kroton Vetro della famiglia Oliverio, ognuno dei ragazzi per lo sforzo profuso durante tutta la stagione sportiva.

Il Presidente ed i dirigenti, oltre al tecnico, tra battute, saluti per le buone vacanze, e cori da stadio, hanno dato appuntamento a settembre, per la programmazione della prossima stagione. “Un anno da ricordare per sempre, ma non vediamo l’ora di ripeterci! Ormai ci abbiamo preso gusto. È bello vivere emozioni così. Ed è ancora più bello vederle vivere a questi ragazzigongola il presidente Ape. La prossima, compatibilmente con le notizie che arriveranno sulla disponibilità dell’impianto, sarà una stagione ancora più difficile. Tutti vorranno confrontarsi con noi. Tutti cercheranno di batterci. Dalla prima squadra ai più piccoli. Dobbiamo farci trovare pronti, soprattutto come società. Dobbiamo migliorare ancora tanto per dare continuità a questi splendidi risultati. Per il momento vorrei ringraziare tutti: sponsor, sostenitori, partner, collaboratori, tecnici, atleti e genitori. Questi risultati non si ottengono se non si ha una direzione univoca e comune. Grazie a tutti. Buone vacanze”.

Lascia un commento

Scroll To Top