Marsala fa gridare alla vittoria sul filo di lana. Il Sant’Anna batte così un coriaceo Taverna

Marsala fa gridare alla vittoria sul filo di lana. Il Sant’Anna batte così un coriaceo Taverna

(nella foto Dario Marsala)

SANT’ANNA-TAVERNA 1-0

SANT’ANNA: Scaccianoce, Venneri, Demeco, Leone, Marsala, Rodio (30’ st Liperoti), Iencarelli, Scandale (26’ st Petrocca),  Giungato, Garofalo (10’ st Samake), Calabretta. In panchina: Caterisano, Rocca, Giardina, Stillitano.  Allenatore: Maiolo

TAVERNA: L. Di Marco, Fratto, Pullano, Puleo, Mustari, Rizzo, Corea, Pristerà, Rizzo, Mirante (26’ st Piccoli), De Luca. In panchina: A. Di Marco, Folino, Procopio, Puleo. Allenatore: Folino

ARBITRO: Maltese di Soverato

MARCATORI: 45’ st Marsala

SANT’ANNA (Kr) – Quando tutto sembrava ormai perso, con il risultato fisso sullo 0-0 e con la porta del Taverna che sembrava stregata, ci pensa Dario Marsala a regalare la vittoria e i tre punti importantissimi al Sant’Anna che si mantiene in vetta alla classifica dopo aver affrontato il solito Taverna guasta feste che sta mettendo i bastoni tra le ruote a tutte le “grandi” del campionato, nonché unica squadra ad aver battuto il Sant’Anna in questa stagione così entusiasmante. Assenza pesanti per i padroni di casa che, anche questa domenica, devono fare a meno di Fabio Ribecco, ormai pronto al rientro, e di Francesco Ribecco fermato dal Giudice Sportivo. Problema rimpicciolito dalla forza del numeroso gruppo gialloverde che annovera tra le sue fila numerosi ricambi di valore in ogni ruolo.

Primo tempo di marca gialloverde con il bravo portiere ospite Di Marco che si salva in più occasioni prendendo, a volte, anche l’impossibile. Parte forte il Sant’Anna con Calabretta che al 2’, solo davanti al portiere avversario, gli calcia la palla fra le mani. Al 10’ Iencarelli dalla destra per Scandale che di testa spara alto. Al 15’ ancora Scandale, questa volta dalla distanza, non trova la porta con la sua bella conclusione. Al 30’ bella combinazione tra Calabretta e Giungato, con quest’ultimo che calcia a botta sicura e si vede respingere la palla da di Marco che gli nega la gioia del gol. Solo nei minuti finali dei primi 45’ si vede il Taverna con Rizzo che, lasciato solo in area di rigore, non riesce a trovare la porta a pochi passi.

Stessi protagonisti e stesso copione nella ripresa, con il Sant’Anna alla disperata ricerca del vantaggio e con la squadra ospite che chiude ogni spazio e si salva sempre con il suo estremo difensore che, tra andata e ritorno, sembra essere la bestia nera degli attaccanti gialloverdi. Al 2’ Marsala fa tutto da solo, arriva al limite dell’aria e calcia in porta con Di Marco che respinge sui piedi di Calabretta che non trova la porta. Al 7’ Iencarelli si libera ancora sulla destra e crossa al centro per la testa di Scandale che, questa volta, centra in pieno la traversa. Al 10’ Maiolo prova a cambiare volto al suo attacco, sostituendo Lello Garofalo, autore di un’altra grande prova, con Samake appoggiato da Calabretta e Giungato. Il Sant’Anna si spinge in avanti rischiando, a volte, il contropiede avversario, come all’11’ quando De Luca, sfuggito alla retroguardia, grazia la squadra di casa mandando la palla clamorosamente a lato. Al 12’ Calabretta salta il suo marcatore, si porta sul fondo e mette la palla al centro per Giungato che, a pochi passi dalla linea di porta, colpisce la palla di testa e la manda sulla traversa. Al 35’ un altro contropiede del Taverna si conclude con il colpo di testa di Piccoli a porta vuota e con lo straordinario salvataggio sulla linea di porta dell’immenso Marsala. Dobbiamo però arrivare al 45’ per la svolta definitiva della partita: punizione conquistata con esperienza da Liperoti e calciata all’interno dell’aria precisamente da Petrocca, entrambi subentrati dalla panchina, Marsala svetta più in alto di tutti e colpisce la palla di testa, mandandola dove questa volta Di Marco non può arrivarci. Entusiasmo alle stelle e coronarie messe a dura prova per i tifosi gialloverdi e per l’intero gruppo che corre ad abbracciare e a festeggiare Dario Marsala, autore di una straordinaria partita. Il difensore gialloverde merita una nota a parte; un vero trascinatore per la squadra di Maiolo, un muro in difesa e decisivo in fase offensiva, disputa una gara strepitosa e si piazza una spanna sopra gli altri dimostrandosi giocatore di altra categoria nonché pilastro per il Sant’Anna che non potrebbe farne a meno.

Continua la corsa del Sant’Anna che adesso ha un ostacolo in meno, vince la sesta partita consecutiva, realizzando un record particolare, avendo perso soltanto una gara in questo campionato, proprio quella di Taverna nel girone di andata, portando a casa, da quel momento, quindici risultati utili consecutivi sui ventidue totali.  Il Taverna si conferma squadra difficile da battere, composta da ragazzi di ottime prospettive e che riesce a tenere testa all’attacco stellare del Sant’Anna che a sua volta consolida il primato in classifica, ancora a pari merito con l’Uria.

Lascia un commento

Scroll To Top