Lo Steccato resta da solo in testa: 2-0 in casa di un buon Akerentia

Lo Steccato resta da solo in testa: 2-0 in casa di un buon Akerentia

AKERENTIA-STECCATO 0-2

AKERENTIA: Staine, Lariano, Figliuzzi, I. Nigro, Perri, Pupo (dal 42’ st Iaconis), Marazita, Cimino (dal 16’ st Lopez), Procopio, A. Nigro, Oliverio. In panchina: Tiano, Barberio, Pedace. Allenatore: S. Candalise.

STECCATO: Loprete, Mesoraca (dal 43’ st T. Grazioso), Muraca, Martino (dal 28’ st G. Salerno ’96), Spada (dal 1’ st S. Falcone), C. Falcone, F. Falcone, Ranieri, Trapasso, Proietto, Gidari. In panchina: A. Grazioso, T. Grazioso, R. Salerno, G. Salerno ’90, Barillari. Allenatore: Luciano.

ARBITRO: Asteriti di Crotone.

MARCATORI: 16’ st Gidari, 41’ st Trapasso.

 

L’Akerentia gioca bene contro la prima della classe, divora occasioni da gol, ma alla fine nel calcio
vince chi finalizza le azioni. Al 15′ lo Steccato si rende pericoloso con Trapasso che di testa sfiora il vantaggio imbeccato da un perfetto cross di Falcone F. Al 20′ Ivan Nigro ci prova da lontano, trova attento Loprete che respinge a pugni uniti un tiro insidioso, al 30′ ancora ospiti con Falcone vicinissimi al vantaggio; le occasioni più ghiotte sono per l’Akerentia: al 35′ con un pallonetto di Perri che sarebbe finito in gol, viene annullato per offside perchè Ivan Nigro tocca la palla prima che entrasse, al 40′ Ffigliuzzi colpisce la traversa su punizione dal limite per un fallo su Procopio, e si chiude la prima frazione di gioco in parità.

Secondo Tempo: Dopo appena 3 minuti occasionissima per l’Akerentia con Antonio Nigro che salta un difensore si trova solo davanti al portiere che con un guizzo felino gli nega la gioia del gol. Ma al 13′ è lo Steccato a segnare il gol con una spettacolare semi rovesciata di Gidari che sfrutta una pennellata su punizione calciata da Falcone F. L’Akerentia si riversa a capofitto nell’area avversaria, e con Pupo al 18′ sfiora il pareggio, dopo vani tentativi in attacco contro la capolista guardinga, subisce il raddoppio su contropiede di Trapasso che da solo infila Staine. Con l’ultima occasione al 43′ di Perri si chiude una partita che l’Akerentia non meritava di perdere, nel calcio però vince chi segna e chi è spietato in attacco, quello che manca al team del presidente Procopio, che dopo la partita con il Carfizzi ha smarrito il bel gioco spumeggiante che aveva fatto ben sperare,aspettando il rientro di qualche giocatore si spera in un futuro migliore.

Teodoro Talarico

Lascia un commento

Scroll To Top