Lo Scandale vince ancora la Coppa disciplina: intervista al presidente Domenico Marazzita

Lo Scandale vince ancora la Coppa disciplina: intervista al presidente Domenico Marazzita

Con un punteggio bassissimo, 11,76, lo Scandale vince la Coppa disciplina di Prima categoria, ma non solo quella del girone B, bensì quella assoluta di tutti e quattro i gironi di Prima. Al secondo posto l’Olympic Acri con 13,80, terzo il Paludi con 16,12, quarto il Real Catanzaro con 19,28. Del girone B troviamo poi Aprigliano sesto e Taverna settimo, e comunque i gironi A e B si contraddistinguono nettamente rispetto a quelli C e D, la cui prima rappresentante, lo Scommettendo Fronti, è nono assoluto.

Di questo grande risultato della società scandale ne abbiamo parlato con Domenico Marazzita, presidente dell’Us Scandale.

Presidente, anche quest’anno vittoria della Coppa disciplina. Che soddisfazione per te e per la tua squadra?

Soddisfazione immensa che arriva per il secondo anno consecutivo, faccio i complimenti a tutti i miei ragazzi, al mister Castagnino ed al nostro pubblico. Il calcio è divertimento, amicizia, rispetto per avversari ed arbitri, a noi piace questo calcio e cerchiamo come società di trasmettere ai nostri tesserati tutto questo“.

Scandale è l’isola felice del calcio dilettantistico crotonese, nessuno vuole andare via, in tanti vogliono venire a farne parte. Qual è il vostro segreto?

Mi fa tanto piacere ricevere questi complimenti, vuol dire che qualcosa di buono stiamo seminando. Cerchiamo di fare calcio con umiltà e passione nel rispetto dei ruoli. Negli ultimi anni abbiamo puntato su molti giovani affiancati da gente di esperienza che con sacrificio ed impegno sono stati di aiuto nella crescita calcistica e non solo. Un valore aggiunto a questa squadra è sicuramente mister Castagnino che anno per anno sta dimostrando il suo valore; un allenatore tra i più giovani in circolazione, abbiamo iniziato un ciclo tanti anni fa insieme prelevando la società in Terza categoria, e ci siamo rimboccati le maniche prima da calciatori ed oggi in ruoli diversi, ma con la stessa ottica calcistica che ci accomuna. Quindi più che una squadra di calcio, come dico sempre, abbiamo creato una famiglia: è questo il nostro segreto“.

Anche a livello agonistico ottimi risultati in questi anni. C’è la possibilità di puntare a qualcosa di più nella prossima stagione?

Negli ultimi anni ci siamo tolti tante soddisfazioni, ma cerchiamo di portare avanti il nostro progetto restando con i piedi per terra. Oggi affrontare campionati è diventato molto faticoso e tutti gli annièe un rebus, avremmo bisogno di più aiuti per far sì che questa bella realtà nn vada perduta. Poi sia nel calcio che nella vita mai dire mai. Voglio ringraziare tutti i nostri sostenitori: è anche grazie a loro che siamo stati i più disciplinati. Un saluto particolare voglio farlo alla redazione di crotonesport.com che da anni ci racconta con professionalità lo sport della nostra provincia“.

Lascia un commento

Scroll To Top