Lettera del tecnico dell’Albi Piccoli: “Arbitraggio scandaloso ma bisogna collaborare”

Lettera del tecnico dell’Albi Piccoli: “Arbitraggio scandaloso ma bisogna collaborare”

Riceviamo e pubblichiamo

In merito alla partita disputata domenica ad Amaroni noi della Pol. Albi siamo profondamente delusi dalla direzione arbitrale nei confronti dei nostri giocatori dentro e fuori dal campo. Detto questo non sto qui a polemizzare (nonostante fosse sotto gli occhi di tutti il suo atteggiamento dal primo minuto), come allenatore sono il primo a cercare di evitare urla, parolacce, minacce, ecc. che si vivono quotidianamente nei campi di calcio dilettantistici calabresi e di indirizzare i miei giocatori verso atteggiamenti costruttivi e di collaborazione verso questi ragazzi che si trovano da soli all’interno di un rettangolo di gioco a ricevere offese e minacce ogni domenica. Questo è quello che io non riesco a comprendere, nel momento in cui trovi una squadra che cerca di avere un atteggiamento sportivo, non dico di premiarla perché le partite si vincono sul campo, ma almeno apprezzare la disponibilità, e non come è successo domenica, fischiare continuamente tutto contro solo perché noi non protestiamo.

Questa mia dichiarazione vuole essere di monito (soprattutto per noi allenatori che siamo i primi responsabili di questo) a cercare di creare un rapporto di collaborazione e amichevole tra arbitri e allenatori, cercando di trasmettere una cultura sportiva che possa permettere ai giudici di gara di arbitrare tranquillamente, e a noi allenatori e giocatori di accettare con rispetto le decisioni e le eventuali sconfitte. Oggi un’altra persona al mio posto sarebbe infuriata per aver perso due punti per colpa di un arbitraggio scandaloso, ma invece sono qui a chiedere a tutti gli addetti ai lavori di ricercare un rapporto di confronto e collaborazione con gli arbitri, anche riunendosi ogni tanto per scambiare punti di vista e regole comportamentali per continuare il nostro campionato con maggiore serenità, naturalmente la disponibilità dev’essere reciproca, quindi anche da parte degli arbitri mi aspetterei più dialogo e più confronti costruttivi, soprattutto con noi allenatori, che siamo i primi responsabili di quello che succede in campo. Inviterei tutti i miei colleghi (allenatori) magari del nostro girone, ad un incontro di dibattito e collaborazione. Infine, voglio ancora una volta ringraziare la gente e la società sportiva di Amaroni che, sempre con molta onestà e coerenza, dimostra cultura sportiva ammettendo a fine partita anche gli errori arbitrali sia da una parte, che dall’altra, con lucidità.

Uff. stampa
Pol. Albi

Lascia un commento

Scroll To Top