La Puliverde Crotone paga la sua supponenza: beffata nel finale in casa del Sogliano

La Puliverde Crotone paga la sua supponenza: beffata nel finale in casa del Sogliano

Lions Handball Sogliano Cavour – Puliverde Crotone: 20 – 19 (risultato pt: 10 – 12)

LIONS HANDBALL SOGLIANO CAVOUR: Sedile, Maggio, Torsello, Lazzoi 2, Astore 4, De Santis 4, Carbone 3, Stefanizzi, Doria 2, Romano, Pendinelli, Antomaci 1, Pedone 1, Bartolomeo 3. All.: Dollorenzo.

PULIVERDE CROTONE: Lo Guarro, Fiorenza A., Perri 7, Lonetto 2, Gentile 1, Pedullà 7, Malerba 2, Fiorenza M., Palermo, Calabrò. All.: Cusato.

ARBITRI: Amendolagine e Intini

 

La temuta trasferta di Sogliano si è rivelata difficile come preventivato alla vigilia. Per la Puliverde Crotone è arrivata una sconfitta, inaspettata se si guarda la classifica, ma per certi versi attesa. La squadra ha preso sottogamba l’incontro e lo si è visto in settimana durante gli allenamenti. La pallamano è uno sport che non lascia spazio alle improvvisazioni e le partite si vincono solo se si resta concentrati dal primo all’ultimo minuto contro qualunque avversario. La squadra crotonese ha pagato la sua supponenza, a ragione si è sentita superiore degli avversari, ma non lo ha dimostrato. Se sul campo non si suda e non si lotta con le sole qualità tecniche ed il blasone non si va da nessuna parte. La gestione dell’incontro non è stata delle migliori ed inoltre alcuni elementi non hanno reso al massimo mancando proprio nei momenti cruciali della partita.

Le assenze in casa Crotone hanno avuto un peso importante, gente come Cortese e Mariano non la si sostituisce facilmente, inoltre Gentile e Perri nella settimana che ha preceduto l’incontro non hanno lavorato al meglio e lo si è visto in campo. Ne è venuta fuori una partita per certi versi strana. Nel primo tempo la Puliverde ha comunque giocato meglio degli avversari ed ha fallito troppe occasioni facili da rete tenendo così sempre in partita gli avversari. Con azioni di attacco più efficaci il Crotone avrebbe potuto chiudere la prima frazione di gioco avanti anche di dieci lunghezze e non sarebbe stato uno scandalo.

Nell’intervallo la squadra invece di ritrovarsi, come capita spesso si disunisce. Sul parquet sembrano scendere altri giocatori. I padroni di casa sono bravi a crederci e non mollare mai e così iniziano la rimonta complice anche qualche allontanamento di troppo per due minuti da parte degli arbitri ai giocatori ospiti. Il finale è convulso, la giovane Puliverde non riesce a tenere i nervi saldi e leggere la partita. Si va avanti così punto a punto fino alla fine quando il Sogliano chiude con una vittoria. Peccato per il Crotone che ha perso una partita che avrebbe potuto vincere facilmente se solo avesse giocato secondo le sue potenzialità e restando sempre concentrato. Non è successo, ma si spera che una sconfitta del genere non ricapiti più.

Lascia un commento

Scroll To Top