Juniores, prova di forza dell’Isola Capo Rizzuto che rifila tre reti al Castrovillari

Juniores, prova di forza dell’Isola Capo Rizzuto che rifila tre reti al Castrovillari

ISOLA CAPO RIZZUTO-CASTROVILLARI 3-0

POL. ISOLA CAPO RIZZUTO: Grande, Perri (30’ st Carbone), Affatati (1’ st Maiorano), Marchio, Amoruso, Aversa, Tipaldi, Artese, Fuscà (21’ st Lonetto), Mancuso (44’ st De Rose), Verrilli. In panchina: Pullano, Iedà, Elia. All. Zangari.

CASTROVILLARI: Falcone, Perfetto, Morrone, Ciccarelli, La Gatta, Liotti (1’ st Miceli), Pellegrini (26’ st Schifino), Bonafine (12’ st Mauro), D’Amore (20’ st Cicalese), Pittari, Gasparro. In panchina: Milione, Cerosimo, Mele. All. Alessandria.

ARBITRO: Minio di Catanzaro.

MARCATORI: 18′ pt Tipaldi, 26′ st e 40′ st Verrilli.

NOTE: Spettatori 50 circa. Ammoniti: Grande, Tipaldi, Mancuso, Verrilli; Ciccarelli, Bonafine, Mauro, Miceli. Recupero: 1’pt; 3’st.

 

 

ISOLA DI CAPO RIZZUTO (Kr): Prova di forza della formazione Juniores dell’Isola Capo Rizzuto che annienta con un netto 3-0 i pari età del Castrovillari. Una partita maschia, con ben otto ammoniti, e sicuramente non facile per i giallorossi di mister Pietro Zangari che devono lottare duramente per domare il forte Castrovillari, squadra ben disposta in campo dal tecnico Alessandria e fornita di ottime individualità.

L’Isola ha però una marcia in più e si vede già dalle prime battute con la squadra di casa che schiaccia gli ospiti nella propria metà campo. Al 6’ il direttore di gara annulla un gol apparso regolare a Tipaldi, punizione messa al centro e testa del giovane isolitano, l’arbitro però fischia un fallo in attacco e non convalida la rete. Al 16’ è ancora Tipaldi con una straordinaria azione personale a rendersi pericoloso, corsa sull’out di destro e tiro ben calibrato dal limite dell’area, palo pieno. Al 18’ Tipaldi ci prova ancora, stavolta con successo, tiro in porta respinto dal portiere e tap-in vincente sulla ribattuta, arriva il meritato vantaggio. Al 22’ Mancuso sfiora il raddoppio, il Castrovillari capisce che deve svegliarsi e inizia ad alzare il baricentro. Al 28’ Gasparro è bravo a cogliere d’anticipo la difesa di casa con un lancio in scivolata, la sua conclusione termina di poco a lato. Il Castrovillari capisce che è il momento buono per pareggiare i conti e si catapulta in attacco, l’Isola ha un momento di buio ma ne esce bene nel finale di tempo sfiorando il raddoppio in due occasioni, prima con Mancuso che si vede respingere il tiro ravvicinato da Falcone, e successivamente da Fuscà che colpisce la traversa, complice anche una deviazione. Nell’ultima azione di gioco, sugli sviluppi di un angolo, Aversa e Liotti svettano a caccia del pallone, sulla caduta successiva ha la peggio il calciatore del Castrovillari che sbatte con la spalla e urla di dolore, non ce la fa a rialzarsi, poco dopo è necessario l’intervento dei sanitari e il successivo trasporto in ospedale.

Nel secondo tempo la partita diventa ancora più bella con continui capovolgimenti di fronte, è però sempre l’Isola a creare i maggiori pericoli in zona offensiva. Bisogna attendere il 26’ per vedere il raddoppio dei giallorossi, Verrilli si libera bene sulla corsia destra e punta la porta, appena entrato in area lascia partire un destro a incrociare che batte l’incolpevole Falcone, 2-0. A questo punto la partita cala vistosamente, l’Isola pensa più che altro a controllare non sdegnando però giocate offensive: alla mezz’ora Mancuso sciupa clamorosamente il tris da pochi passi, poi è Carbone a mandare a lato da buona posizione. Al 40’ ci pensa ancora Verrilli a chiudere i conti con una grande giocata personale sulla fascia sinistra, il fantasista napoletano recupera palla all’altezza del centrocampo e si invola sbarazzandosi sul suo cammino di due avversari, arriva a tu per tu col portiere e lo batte con freddezza.

Nel finale l’Isola sfiora il 4-0, ma sarebbe stata una punizione troppo severa per questo Castrovillari. A fine partita il tecnico Pietro Zangari vuole dedicare questa importante vittoria a sua mamma, scomparsa 20 anni fa proprio il 17 Marzo, e alla figlia Gaia.

 

Juniores Isola festeggia 17 marzo 2015

Lascia un commento

Scroll To Top