Isola Capo Rizzuto-Portici, tabellino e commento della gara

Isola Capo Rizzuto-Portici, tabellino e commento della gara

ISOLA CAPO RIZZUTO-PORTICI 1-1

ISOLA CAPO RIZZUTO: Lamberti; Baiata, Dicuonzo, Cassaro; Mirabelli (17′ st Bruno T.),Sangare, Gondra, Cristiano, Leto (39′ st Berlingeri), Pellizzi, Calabretta (22′ st Magliano). Allenatore: Mesiti.

PORTICI: Sorrentino; De Magistris (29′ st Visone), Nocerino, Montuori, Boussada (24′ st Menna); Grieco (17′ st Sogliuzzo), Di Pietro, Panico; Cherillo (18′ st Varriale), Maggio, Pandolfi. A disp.: Montella, Ragosta, Borrello, Dellacorte. Allenatore: Esposito.

ARBITRO:Munerati di Rovigo (Nardi di Taranto; Balestrucci di Barletta).

MARCATORI:28′ pt Pellizzi (I); 37′ st Maggio (P).

NOTE: Spettatori 600 circa. Al 9′ st espulso Cristiano (I) per doppia ammonizione. Al 23′ st espulso Pellizzi (I) per doppia ammonizione. Ammoniti: Sangare (I), Cassaro (I), Lamberti (I). Angoli: 6 a 2 per Portici. Rec.:1′ pt;7′ st

 

ISOLA CAPO RIZZUTO. Impossibile iniziare il racconto di questa partita senza parlare delle clamorose decisioni della terna arbitrale, diretta dal signor Alessandro Munerati di Rovigo, che hanno condizionato, in maniera netta ed evidente, l’epilogo del match. Tre gli episodi chiavi oggetto di discussione anche nel dopo partita con un’accesa protesta da parte della squadra di casa.

Ad inizio secondo tempo, con l’Isola in vantaggio di un gol, un’azione dei giallorossi è fermata per giusto fuorigioco di Pellizzi, gli ospiti riprendono subito il gioco e Cristiano è abile ad anticipare un passaggio in diagonale e servire Pellizzi al centro che a tu per tu col portiere va in gol. 2-0? No, l’arbitro ferma tutti, annulla il gol e ammonisce Cristiano reo, a suo dire, di aver ostacolato la ripresa del gioco. Secondo giallo e doccia anticipata per il centrocampista che incredulo chiede spiegazioni al direttore di gara prima di abbandonare il campo.

Il secondo episodio si registra al 23’, altro cartellino rosso, passaggio in profondità dalle retrovie per Pellizzi lanciato a rete, l’attaccante in corsa aggancia la sfera ma secondo il direttore di gara lo fa con una mano e mostra al numero 9 il secondo cartellino giallo. Isola in nove uomini. Infine, gol del pareggio, viziato da chiara posizione di fuorigioco al momento del cross.

Episodi a parte la partita è stata bella con continui capovolgimenti di fronte, a dirla tutta è stata anche una gara molto corretta da ambo le parti, anche se il tabellino sembra dire il contrario. Nel primo tempo grande equilibrio nella zona mediana del campo, sono gli ospiti i primi a farsi vedere dalle parti di Lamberti con due conclusioni ravvicinate di Cherillo prima e Maggio poi, Lamberti si oppone senza difficoltà. L’Isola guadagna campo e alla prima vera occasione passa in vantaggio: Mirabelli riceve palla sulla destra e di prima intenzione la mette in mezzo, Cristiano a sua volta prolunga per Pellizzi che la tocca quel tanto che basta per battere Sorrentino. Al 34’ Sangare pecca di egoismo e prova il tiro da posizione defilata. Il primo si conclude senza altri sussulti.

Poi i già citati episodi della ripresa fino al pareggio degli ospiti arrivato dopo un naturale assedio, con i padroni di casa in vantaggio di un gol e sotto di due uomini che hanno provato a difendere i tre punti a denti stretti, di Maggio il tocco vincente che da pochi passi ha battuto Lamberti per l’1-1. Nel finale ci prova ancora il Portici e all’ultimo respiro sfiora il gol del k.o. con una conclusione dal limite che sfiora il palo. Sarebbe stata una beffa troppo grande per l’Isola Capo Rizzuto. Al triplice fischio accese proteste dei tifosi di casa che contestano le clamorose decisioni arbitrali, il presidente Cristodaro annuncia che a breve sarà presentato un esposto alla lega dilettanti con tanto di immagini. L’Isola torna ultima in classifica, il Portici va avanti a piccoli passi e per ora è fuori dalla zona rossa.

Lascia un commento

Scroll To Top