Isola Capo Rizzuto, intervista a Lamberti: “Condannati solo da episodi, ci crediamo ancora”

Isola Capo Rizzuto, intervista a Lamberti: “Condannati solo da episodi, ci crediamo ancora”

Mentre la squadra continuare ad alternare alti e bassi, c’è un calciatore giallorosso che mantiene sempre alta la sua concentrazione, sfoggiando ogni volta grandi prestazioni. Parliamo del numero uno giallorosso, probabilmente il portiere più forte della categoria, Ilario Lamberti. L’estremo difensore prova a spiegare l’andamento della squadra in questa stagione anomala: “Assolutamente è una stagione anomala, sembra una scusa dirlo ma noi quest’anno siamo condannati solo ed esclusivamente da episodi. Onestamente nessuno di noi riesce a darsi una spiegazione a tutto questo, in tutto la stagione non c’è stato avversario che ci ha messo sotto, nessuno, abbiamo sempre mostrato la nostra superiorità ma poi il risultato finale ci ha sempre condannati. Per vincere i campionato a volte non basta una grande società ed una grande squadra, c’è bisogno di un qualcosa di magico che a noi è mancato”.

Dunque non è un problema tecnico o di spogliatoio, come pensano in tanti? “No, posso dire senza problemi che lo spogliatoio è forte, siamo un gruppo molto unito e ci alleniamo sempre al massimo e con professionalità. Non è nemmeno un problema tecnico, la squadra è forte in ogni reparto. Aggiungo che durante la stagione abbiamo avuto due grandi allenatori, Leone prima e Mesiti ora, sicuramente la colpa di questo disastro non è loro ma solo nostra e degli episodi, sia arbitrali, sia di sfortuna, può sembrare una scusa ma non è così e chi vede le nostre partite lo sa bene”.

Play off ancora raggiungibili secondo te? “Noi ci crediamo ma dobbiamo lottare tutti insieme, e quando dico tutti non dico solo noi calciatori ma tutti, società, staff tecnico, calciatori, tifosi e tutti coloro che circondano. Finchè la matematica non ci condanna abbiamo l’obbligo di crederci e di lottare, noi non molliamo”.

Domenica il Montalto, dopo la vittoria di Brancaleone arriveranno altri tre punti, si riaccende la speranza play off? “Tre punti dobbiamo giocarceli prima, per noi quest’anno nulla è scontato, aspettiamo la fine della partita prima di parlare”. Lamberti chiude l’intervista con qualche ringraziamento: “Ci tengo a ringraziare il mio preparatore e maestro di vita Enzo Palermo, un grande uomo e un grande professionista. Poi ringrazio la società e il presidente Leonardo Sacco, che ci sta sempre vicino in ogni momento, non è facile trovare un presidente così in certe situazioni”.

Lascia un commento

Scroll To Top