Il Taverna vince a Scandale con super Giglio. Rinnovato il gemellaggio

Il Taverna vince a Scandale con super Giglio. Rinnovato il gemellaggio

SCANDALE-TAVERNA 2-4

SCANDALE: Mollura 7, Giuda 6 (8’ st Iovane 6), Cusato 6 (8’ st Palermo 6), Lumare 6, Biagi 6, Marino 6,5 (1’ st Marazzita 6,5), Lucanto 7, Policarpio 6,5 (27’ st Pingitore 6), Marasac 6 (26’ st Mattace 6,5), Rullo 6,5, A. Scalise 6,5. In panchina: Scarfone, Garofalo. Allenatore: Castagnino 6,5.

TAVERNA: Di Marco 6,5 (20’ st Ruga 6,5), Garcea 7 (20’ st Girovasi 6), Puleo 7, C. Cosentino 7,5, Cariati 6,5 (27’ st C. Corigliano 6,5), Giglio 8,5, F. Cosentino 7, S. Corigliano 7, Corea 7, Viscomi 7, Pupo 6,5. In panchina: Minoliti, Lia, Parrottino. Allenatore: Folino 7.

ARBITRO: Gatto di Lamezia Terme 5,5.

MARCATORI: 1’ pt (rig.), 32’ pt, 37’ pt, e 40’ pt Giglio (T), 3’ pt e 4’ st (Rig. ) Lucanto (S).

NOTE: Ammoniti: Policarpio, Lumare, Rullo, Iovane e Biagi (Scandale) e Pupo (Taverna); Recupero: 3’ e 8’.

 

SCANDALE (KR) – Un mai domo Scandale esce sconfitto dalla gara con la gemellata Taverna. Una gara dai due volti (il primo pro Taverna e il secondo con gli ospiti chiusi quasi sempre nella loro metà campo) caratterizzata da 8 assurdi minuti del primo tempo nei quali Giglio è riuscito a bucare Mollura per ben tre volte, dopo che, in precedenza, l’estremo scandalese era stato fondamentale per mantenere l’1 a 1. Aggiungiamoci 2 legni e qualche pessima decisione arbitrare e la sconfitta è servita. Sia ben chiaro il Taverna non ha rubato nulla ma il 4 a 2 a loro favore non rispecchia l’andamento della gara.

Prima della gara gli ospiti hanno consegnato un dipinto che ricorda il gemellaggio tra le due squadre. Non sono passati nemmeno 40 secondi che lo Scandale riesce a perdere palla e Giglio servito in area si procura il rigore che trasforma. Al 3’, però, su un svarione della difesa ospite, Lucanto riesce a pareggiare.

Premessa per una bella gara. Al 9’ Giglio su punizione colpisce la traversa. Ci prova lo Scandale con vari tentativi di tiro a rete ma senza fortuna. All’11’ Mollura si supera e respinge in tuffo e al 15’ ancora Mollura si esalta e salva a terra col pugno. Al 26’ tre tiri in 30 secondi dello Scandale con 3 respinte di Di Marco. Si spegne la difesa locale, ne approfitta Giglio per andare a rete ale 32’, al 37’ e al 40’ su punizione. La reazione dello Scandale c’è ma al 47’ è il palo a negare a Giuda la rete che poteva riaprire la gara e, sulla ribattuta, Scalise, con la porta spalancata, non riesce a tirare bene in porta.

Mister Castagnino striglia i suoi che partono bene nella ripresa: al 4’ Lucanto si procura un rigore e lo stesso fa 2 a 4. Lo Scandale cerca in tutti i modi la terza rete della speranza ma non c’è nulla da fare nonostante in porta sia andato il giovanissimo (classe 2001) Antonio Girovasi dopo l’infortunio al portiere Di Marco, toccato in uscita e costretto a ricorrere alle cure della guardia medica locale e poi all’ospedale di Catanzaro per dei punti di sutura alla fronte.
Le ultime speranze dello Scandale s’infrangono sulla traversa che il presidente-giocatore Marazzita colpisce su punizione al 35’.

tratto dal profilo Facebook di Rosario Rizzuto

Lascia un commento

Scroll To Top