Il Sant’Anna da sabato in ritiro per preparare l’assalto alla storia nello spareggio

Il Sant’Anna da sabato in ritiro per preparare l’assalto alla storia nello spareggio

Si giocherà al “Riga” di Lamezia Terme la finalissima dei gironi A e B di Prima Categoria che sancirà chi tra Sant’Anna e Aprigliano avrà l’accesso al campionato di Promozione. Il Sant’Anna arriva a questa sfida grazie al secondo posto e soprattutto ai 73 punti ottenuti in campionato, ad una sola lunghezza dalla capolista Uria e ad otto punti dalla terza in classifica Cariati, con la quale si è arrivati alla finale play off (senza disputare semifinale) nella quale l’undici gialloverde di mister Maiolo si è imposto con un secco 5-1.

L’Aprigliano ha invece raccolto “solo” 55 punti in campionato, ed è arrivato a questa finalissima vincendo entrambi gli incontri play off a tavolino per mancata presenza degli avversari, prima in semifinale contro il Mirto Crosia e poi nella discussa finale contro il Parenti, dove quest’ultima non si è presentata per protesta.

Certo, a vederla così sulla carta sembra nettamente favorito il Sant’Anna, però mister Maiolo sa bene quali insidie possa nascondere una partita di questo calibro, per tanto sta cercando dai suoi ragazzi la massima concentrazione. In settimana la squadra si è allenata sul sintetico di Isola Capo Rizzuto, il tecnico gialloverde per quest’attesa sfida dovrà rinunciare per indisponibilità a tre pedine importanti quali Scandale, Liperoti e Stillitano, assenti anche contro il Cariati.

La società ha invece annunciato che la squadra sarà in ritiro presso Lamezia Terme già dalla giornata di sabato, Sant’Anna non vuole assolutamente fallire quest’appuntamento con la storia, il raggiungimento del campionato di Promozione a soli 6 anni dalla nascita, sarebbe senza dubbio un risultato storico ed irripetibile. Si deve vincere anche per sfatare il tabù play off, negli ultimi due campionati la compagine isolitana ha fallito il salto di categoria alla fase finale. Al Riga di Lamezia sono anche previsti almeno due pullman di tifosi al seguito.

Lascia un commento

Scroll To Top