Il resoconto della festa organizzata dalla scuola Olimpia per la campionessa Giampà

Il resoconto della festa organizzata dalla scuola Olimpia per la campionessa Giampà

Il profumo della palestra, i compagni di allenamento che ormai sono diventati amici, i familiari e le istituzioni. Il maestro Fabio Cusato e i dirigenti della scuola Olimpia hanno voluto festeggiare così il ritorno della neo campionessa del mondo di Mma categoria sessantasei chilogrammi Fabiana Giampà.

Una festicciola semplice come lo è la campionessa, una ragazza giovane che preferisce sudare ogni giorno in palestra combattendo con i suoi compagni invece di uscire e passare le ore in giro per la città. Ha Preferito puntare tutto se stessa, una scommessa ampiamente vinta. La festa è stata aperta dal Gruppo culturale delle crotoniadi della scuola Olimpia che hanno cinto il capo di Giampà con una corona di ulivo. Ci sono stati poi i saluti del dirigente sportivo Salvatore Blaconà, padrone di casa che ha ricordato i successi della scuola Olimpia non solo nella nuova esperienza delle arti marziali.

Il maestro Fabio Cusato è quello che allena Giampà. Maestro, ma anche un fratello maggiore perché non ha voluto un eccessivo calo di peso. L’atleta avrebbe voluto combattere nella categoria dei 61 chilogrammi, ma il peso sarebbe dovuto scendere troppo e siccome Cusato tiene più alla salute dei suoi atleti che ai risultati sportivi ha preferito e consigliato a Giampà di cimentarsi nella categoria 66 chilogrammi.

Ha partecipato anche il Comune di Crotone nella persona dell’assessore allo Sport Giuseppe Frisenda (un amuleto per lo sport crotonese che da quando lui è in carica vive un periodo di successi) che si è detto fiero di Giampà ed ha lodato il lavoro del maestro Cusato e della scuola Olimpia. Un saluto è stato portato anche dal consigliere comunale Enrico Pedace che rappresenta la popolosa frazione di Papanice dove risiede anche Giampà. Ha annunciato una grande festa per l’atleta per giorno 8 dicembre.

Presente anche il dottore nutrizionista Vincenzo Pace che segue da vicino l’alimentazione della campionessa, un ruolo non certo secondario, perché fa in modo che Giampà possa trovare sempre nuove energie. La scuola Olimpia ha voluto omaggiare con due targhe la campionessa ed il maestro Cusato. Ha partecipato anche il presidente della commissione consiliare Sport del Comune di Crotone Pisano Pagliaroli sempre vicino agli sportivi della città.

Prima di salutare personalmente tutti quanti Giampà si è sottoposta alle domande di rito ed ha candidamente ammesso: “Sono partita per vincere, ho disputato un ottimo mondiale sempre in crescendo. Stavo bene e sentivo che stavo facendo molto bene”. Nessuna ansia per lei prima del verdetto finale: “Anche se la vittoria è arrivata ai punti sapevo di aver fatto meglio della mia avversaria e se non avessi vinto sarei comunque soddisfatta perché ho dato il meglio di me”.
Poi è stata festa grande abbracci, saluti, foto e brindisi con familiari, gli amici di sempre e gli immancabili compagni di allenamento, loro sempre presenti.

Lascia un commento

Scroll To Top