Il primo guizzo di Tonev vale la vittoria del Crotone a Pescara. Ma Empoli e Genoa volano

Il primo guizzo di Tonev vale la vittoria del Crotone a Pescara. Ma Empoli e Genoa volano

PESCARA-CROTONE 0-1

PESCARA (4-3-3): Fiorillo, Zampano, Fornasier, Bovo, Biraghi; Verre, Brugman, Memushaj (dal 21’ st Coulibaly); Benali, Bahebeck (dal 21’ st Muric), Caprari. In panchina: Bizzarri, Crescenzi, Bruno, Kastanos, Muntari, Campagnaro, Cerri, Mitrita, Coda, Cubas, Milicevic. Allenatore: Zeman.

CROTONE (4-4-2): Cordaz, Rosi, Ceccherini, Ferrari, Martella; Rohden (dal 6’ st Acosty), Capezzi, Barberis, Nalini (dal 29’ st Sampirisi); Simy (dal 19’ st Tonev), Trotta. In panchina: Festa, Viscovo, Dos Santos, Mesbah, Kotnik, Cuomo, Dussenne, Suljic. Allenatore: Nicola.

ARBITRO: Russo di Nola.

MARCATORE: 26’ st Tonev.

AMMONITI: Caprari (P), Capezzi (C), Brugman (P), Coulibaly (P).

ESPULSO: 30′ st Benali (P).

Il Crotone continua nella sua serie positiva e vince anche in casa del Pescara, dopo aver espugnato nell’ultimo periodo anche i campi di Chievo e Sampdoria. A decidere il match dell’Adriatico un grande gol di Tonev, il primo del bulgaro nel campionato di serie A. Partita non affatto facile, col Pescara che se l’è giocata con grande determinazione, pur con i soliti problemi e difficoltà ambientali. Poche le occasioni da rete, il Crotone soffre l’assenza di Falcinelli con Simy che non riesce mai a rendersi pericoloso. Per sbrogliare la matassa Nicola mette prima Acosty e poi Tonev nella ripresa. L’esterno bulgaro al 26′ della ripresa parte da sinistra, si accentra e scarica un destro violentissimo proprio sotto l’incrocio dei pali.

Le brutte notizie per i rossoblù arrivano dagli altri campi: l’Empoli batte il Bologna, mentre il Genoa supera di misura l’Inter con i nerazzurri che sbagliano nel finale il rigore del possibile pareggio con Candreva. A tre giornate dalla fine l’impresa della salvezza si allontana sempre più ma il Crotone sta raccogliendo applausi e approvazione.

Lascia un commento

Scroll To Top