Il derby di Mesoraca stavolta è ricco di gol. L’Ss ribalta il risultato e vince. La Pro ora rischia grosso

Il derby di Mesoraca stavolta è ricco di gol. L’Ss ribalta il risultato e vince. La Pro ora rischia grosso

(nella foto Serravalle, autore della rete decisiva nel finale)

MESORACA-PRO MESORACA 3-2

MESORACA: Oliverio, Pas. Fico, Leto, Castagnino, Stefanizzi, Corasaniti, Marrazzo, Brizzi, Grano, Varacalli, Serravalle. Allenatore: Varacalli

PRO MESORACA: Pallone, Ferrazzo, C. Ruberto I, Londino, Gentile, C. Ruberto II (15′ st Barletta), Statti, Marino, G. Sirianni, Lombardo (29′ st Arm. Foresta), Vescio (14′ st Ard. Foresta). Allenatore: S. Sirianni

ARBITRO: Longo di Paola

MARCATORI: 5′ pt Serravalle (M), 34′ pt Londino (PM), 27′ st Lombardo (PM, rig.), 34′ st Grano (M, rig.), 42′ st Serravalle (M)

MESORACA (Kr) – Un derby di grande qualità e di forti emozioni. Alla fine vince la squadra migliore, ma certamente la Pro Mesoraca non ha per nulla demeritato piegandosi soltanto nei minuti finali alla maggior classe della S.S. Mesoraca. Una gara molto sentita e importante per la classifica soprattutto per la Pro Mesoraca che dopo questa sconfitta si trova con un piede e mezzo in seconda categoria.

Subito in vantaggio la squadra che il calendario assegna in casa con un guizzo di Serravalle che al 5′ infila il portiere in uscita. I minuti iniziali sono di netto dominio dei ragazzi di Varacalli, ma col passare del tempo la Pro Mesoraca prende coraggio e comincia a farsi vedere dalle parti di Oliverio. Al 25′ Lombardo sfiora il palo con un esterno sinistro, ma al 31′ è molto pericoloso Pasqualuzzu Marrazzo con un calcio piazzato che fa tremare la traversa. Il pareggio arriva al 34′ con un gran gol di Elenio Londino su azione personale, mentre allo scadere ghiotta occasione per Serravalle che spedisce fuori. La ripresa non lascia un attimo di tregua.

All’8′ Pasqualuzzu Marrazzo è tutto solo davanti a Pallone e il portiere si supera deviandogli il tiro. All’11’ calcio di rigore per fallo su Danilo Grano: Ciccio Brizzi calcia sul palo. Un fallo su Arduino Foresta commesso dal portiere Oliverio al 27′ viene punito con un calcio di rigore trasformato da Lombardo. Il risultato adesso è completamente ribaltato e sorride alla “Pro”. Due minuti dopo esce Lombardo e la pericolosità della squadra, unita ad un evidente calo fisico, si esaurisce.

Si vedeva lontano un miglio che la compagine allenata da Salvatore Sirianni non avrebbe retto l’urto e poco dopo cade sotto i colpi di Danilo Grano che al 34′  si procura un calcio di rigore e lo trasforma con grande freddezza. Al 42′ una irresistibile girata del ritrovato Serravalle consegna il derby alla squadra del presidente Marrazzo per una festa finale con tanto di saluto al pubblico e con canti di gioia negli spogliatoi. Una partita vibrante e piena di sentita rivalità, ma che al di là di questo è stata correttissima e godibile dal punto di vista spettacolare.

Lascia un commento

Scroll To Top