Il Cutro gioca bene ma il Guardavalle nel finale lo colpisce. Di Milano la rete dei biancoazzurri

Il Cutro gioca bene ma il Guardavalle nel finale lo colpisce. Di Milano la rete dei biancoazzurri

GUARDAVALLE-CUTRO 3-1

GUARDAVALLE: Mercurio, Cimino, Riey, Bassi Demasi (dal 29’ st Andreacchio), Cosenza, Orientale, Tedesco (dal 36’ st Galati), Casas, Procopio, Nesci, Micelotta (dal 41’ st Riitano). In panchina: Cerrato, Catanzariti, Cordi, Gordon. Allenatore: Carnà.

CUTRO: Maruca, Mercurio (dal 33’ st D. Crugliano), Aiello, Arabia, Squillace, Maione, Milano, Balsamo, Lorecchio (dal 42’ st A. Crugliano), Russo, Mercuri. In panchina: Menzà, Stirparo, Tambaro, Carnà, Mannolo. Allenatore: Morelli.

ARBITRO: Pacenza di Bari (Rizzo e Marafioti di Cosenza).

MARCATORI: 37’ pt Procopio (G), 45’ pt Milano (C), 41’ st Orientale (G), 43’ st Nesci (rig.) (G).

 

Molto sfortunata la trasferta di Guardavalle per il Cutro di mister Morelli. La formazione biancoazzurra si presenta priva di Piazza, Porpora e Covelli, ceduti nel mercato in corso: così Menzà, rientrato dal prestito al Sant’Anna, fa il secondo di Maruca, in difesa Squillace è titolare al centro con Maione, e Mercuri dà una mano a Russo in attacco. Di certo, l’infortunio di Riolo ha condizionato la squadra cutrese, che comunque avrebbe meritato di più.

Maione e compagni, infatti, hanno dominato la gara tenendo in pugno il gioco per quasi tutti i 90 minuti. Il gol del vantaggio dei padroni di casa arriva al 37’ con un colpo di testa imprendibile di Procopio. Il pareggio degli ospiti giunge verso la fine della prima frazione con Milano che non sbaglia davanti al portiere.

Nel secondo tempo il Cutro cerca di stringere i tempi per vincere e difendere il secondo posto, diverse sono le occasione per Russo, Lorecchio e Mercuri, ma nel finale il Guardavalle si scatena sfruttando anche il dispendio di energie degli avversari. Prima Orefice di testa e poi Nesci su calcio di rigore consentono ai catanzaresi di non essere più ultimi da soli in classifica, ma ora in compagnia del Sambiase Lamezia.

Lascia un commento

Scroll To Top