Il Crotone si sveglia solo nella ripresa, il Verona si prende i tre punti

Il Crotone si sveglia solo nella ripresa, il Verona si prende i tre punti

HELLAS VERONA-CROTONE 2-1

HELLAS VERONA: Silvestri; Ceccherini (1’st Dawidowicz), Magnani (19’ st Gunter) Lovato; Faraoni, Tameze, Ilic, Dimarco; Zaccagni (30’ st Colley), Barak; Kalinic (19’ st Di Carmine). A disp: Berardi (GK), Pandur (GK), Udogie, Cetin, Ruegg, Danzi, Salcedo. All. Juric.

CROTONE: Cordaz; Djidji, Golemic, Luperto; Molina (1’ st Pedro Pereira), Eduardo (1’ st Simy), Zanellato, Vulic, Reca; Messias, Riviere (32’ st Dragus). A disp: Crespi (GK), Magallan, Cuomo, Rojas, Petriccione, Rispoli, Siligardi, Crociata, Mazzotta. All. Stroppa.

ARBITRO: Massimi di Termoli.

MARCATORI: 17’ pt Kalinic (V), 25’ pt Dimarco (V), 10’ st Messias (C).

AMMONITI: Ceccherini (V), Lovato (V), Djidji (C), Magnani (V), Reca (C), Pedro Pereira (C).

 

VERONA – Un Crotone ancora a due facce non riesce ad andare a punti al Bentegodi nonostante un gran secondo tempo. Stroppa parte mescolando ancora le carte: esordio per Djidji in difesa, Molina spostato in fascia e Riviere preferito a Simy. Juric con Ilic per Veloso infortunato, e con Lovato e Magnani in difesa.

Il Verona parte fortissimo, inaridisce le fonti di gioco avversarie con un pressing a tutto campo e, tra il 17′ ed il 25′, passa due volte: prima il centrocampo dei gialloblù conquista palla, Barak serve Kalinic che lascia partire un destro imparabile da dentro l’area di rigore per l’1-0, poi Dimarco entra in area sulla sinistra dopo uno scambio con Zaccagni e con un gran tocco di sinistro la mette all’angolino basso per il raddoppio. Gli squali accusano colpo e rischiano di subire il ko: miracolo di superCordaz sul colpo di testa a botta sicura ravvicinato di Barak (37′). Messias prova a reagire con un’azione personale: si accentra dalla destra e lascia partire un gran rasoterra di sinistro ben parato dal portiere di casa: è il 45′ ed è l’ultima azione degna di nota della prima frazione.

Nel secondo tempo, come nel match contro la Roma, il copione cambia radicalmente e gli uomini di Stroppa, con Pereira al posto dell’acciaccato Molina e Simy per Eduardo (Messias arretra di qualche metro il suo raggio d’azione), giocano con maggiore convinzione e pericolosità. Al 55′ è il solito Junior Messias ad accorciare le distanze con una mezza rovesciata sotto porta a raccogliere la precisa assistenza di Pedro Pereira. Ancora il brasiliano si rende pericoloso al 69′ e al 73′ ma i suoi tentativi vengono neutralizzati dalla difesa scaligera e dall’estremo difensore Silvestri. Anche il Verona si affaccia di nuovo in attacco con il nuovo entrato Colley ma Cordaz (86′) e la traversa (92′) gli negano la gioia del gol, così il match termina sul 2-1.

fonte: fccrotone.it

Lascia un commento

Scroll To Top