Il Crotone punta sui valori sicuri

Il Crotone punta sui valori sicuri

Nonostante la stagione attuale di campionato stia trascorrendo in modo difficile, in casa Crotone c’è ancora una speranza di poter ottenere in qualche modo la salvezza. I quattro punti di distanza dal Torino, ultima squadra in questo momento a non retrocedere, permettono di sperare ancora, soprattutto dal punto di vista dei calcoli matematici. Di certo la strada è piuttosto in salita, eppure il tecnico Giovanni Stroppa, il quale ha dalla sua la totale fiducia della società, potrà fare solamente meglio di quanto dimostrato finora. I 50 goal incassati dai Pitagorici sono senza dubbio una dimostrazione di debolezza assoluta in difesa, il reparto che deve migliorare maggiormente.

Soprattutto in vista dell’importante e difficile partita del 22 febbraio contro la Juventus, una delle squadre con più opzioni di trionfare in campionato se diamo un’occhiata alle quote del mercato delle scommesse sportive, i rossoblù dovranno trovare una nuova spinta emotiva per poter risalire la china. In quest’ottica, il mercato di riparazione di gennaio è servito per ridare un po’ di entusiasmo a una piazza nella quale la depressione per l’ultimo posto e una serie di risultati negativi aveva attecchito in maniera esagerata nel recente periodo. Dopo la roboante vittoria per 4-1 contro il Benevento dello scorso 17 gennaio, la squadra calabrese è sprofondata in un periodo negativo inanellando tre sconfitte di seguito contro Fiorentina, Genoa e Milan. Per potersi rialzare, dunque, Stroppa ha capito di dover contare sui suoi uomini che più garanzie gli diano. Nonostante l’arrivo del vivace Adam Ounas, ex Napoli, come esterno d’attacco, e del difensore argentino Lisandro Magallán, una scommessa nel reparto arretrato, è ovvio che l’allenatore dei Pitagorici dovrà fare affidamento su un giocatore esperto come il capitano Alex Cordaz e il più talentuoso, ossia l’attaccante nigeriano Simy, i quali stanno provando a trascinare la squadra con il loro carattere.

Se il portiere e capitano Cordaz, veterano classe 1983, è ormai un crotonese adottato nonostante i suoi natali veneti, anche Simy è praticamente diventato un cittadino locale dopo il suo arrivo nell’estate del 2016. Grazie ai tanti goal in maglia rossoblù il nigeriano classe 1992 si è guadagnato anche la convocazione in nazionale e ha potuto disputare i mondiali di calcio giocati in Russia nell’estate del 2018. Autore di sette reti nei 19 incontri disputati finora in campionato, l’attaccante africano è ormai tutt’uno con la squadra di Stroppa, della quale rappresenta il punto di riferimento per antonomasia in attacco. La speranza dell’allenatore dei Pitagorici è che si possa integrare bene con Ounas, esterno offensivo dal gran talento ma poco continuo, il quale però potrebbe fornire il nigeriano di una serie di tanti assist.

Un altro elemento sul quale farà affidamento Stroppa sarà il difensore pugliese Sebastiano Luperto, arrivato l’estate scorsa all’Ezio Scida dal Napoli, squadra nella quale è cresciuto e ha potuto compiere un processo di maturazione importante, giocando varie partite in palcoscenici di prim’ordine. È da questi elementi che il Crotone dovrà ripartire per provare a ottenere una salvezza che in questo momento sembra difficile, ma non è impossibile. 

Lascia un commento

Scroll To Top