Il Cirò esulta nel finale. Una prodezza di Farao batte un tenace Us Cerva

Il Cirò esulta nel finale. Una prodezza di Farao batte un tenace Us Cerva

(nella foto una formazione del Cirò)

CIRO’-CERVA 3-2

CIRO’: Grillo, Le Rose, A. Pugliese, Farao, Murano, Leto (37′ st Caligiuri), Cortese, Agresti (35′ st Pirito), Zumpano, Affatato, Sprovieri (20′ st Sculco). In panchina: Lombardo, Lettieri, Potestio, Stasi. Allenatore: M. Pugliese

CERVA: Sacco, Strignile (9′ st Scalzi), Colosimo, Griffo, Caligiuri, Marchio, Costantinescu, Bianco, Elia, Muraca, V. Bolotta. In panchina: Brizzi, A. Bolotta, Filippis. Allenatore: A. Bolotta

ARBITRO: Palmieri di Crotone

MARCATORI: 38′ pt Marchio (CE, rig.), 44′ pt Zumpano (CI), 16′ st Zumpano (CI), 29′ st Marchio (CE), 43′ st Farao (CI)

NOTE: cielo coperto, con precipitazioni a fine partita, vento Sud Sud-Ovest 42 Km/h, umidità 85%, temperatura 13°, terreno in ottime condizioni. Angoli 11-2.

CIRO’ (Kr) – Terza vittoria consecutiva per il Cirò, erano anni che la squadra locale non metteva a segno un bottino così importante, questa si che è una notizia, dopo la vittoria in trasferta ai danni del Pallagorio, e quella maturata contro il Rocca di Neto, arriva quella contro il Cerva. Un risultato maturato con non poca sofferenza, difatti i padroni di casa pur costruendo numerosissime palle goal, hanno trovato sulla propria strada l’estremo difensore ospite Sacco, in splendida forma fisica che ha parato di tutto e di più, limitando un passivo molto più pesante per la propria squadra.

C’è mancato davvero poco per essere beffata da un Cerva che ha costruito tassello dopo tassello l’attacco giusto per pungere il Cirò, rendendosi pericolosa sulla fascia destra con Costantinescu, vera spina nel fianco per il pacchetto difensivo. La doppietta messa a segno dall’ottimo Zumpano, non sarebbe bastata per il bottino pieno, arrivato solo grazie al gioiello che ha tirato fuori dal cilindro all’43’ st il centrocampista cirotano Farao su calcio piazzato che ha regalato la vittoria alla propria squadra, segnando un gran goal da quella posizione, che è riuscito ad aggirare la barriera piazzando la palla sotto il sette alla destra dell’incolpevole Sacco.

Mister Pugliese, con il modulo 3-4-3, ha messo a dura prova il pacchetto difensivo (Le Rose, A. Pugliese e Murano), che ha dovuto lavorare sodo per respingere ed intercettare le incursioni avversarie. Gli uomini di centrocampo Farao, Cortese ed Agresti, hanno trovato i fraseggi giusti per consentire una regia rapida e veloce ad opera di Affatato, che è riuscito ad eludere la marcatura dell’avversario, sempre pronto a servire il pacchetto offensivo. Gran lavoro svolto da Sprovieri, Leto e Zumpano, che ripetutamente si sono affacciati nella zona difesa da Sacco, facendo saltare il pubblico per le ghiotte occasioni costruite e non concretizzate. I tre innesti scelti dal tecnico (Sculco, Pirito e Caligiuri) hanno consentito il controllo della gara, traghettandola fino al 90′ senza mai rischiare nulla. Il Presidente Sculco con tutta la dirigenza, possono festeggiare la ricorrenza dell’Epifania, con la massima tranquillità, per l’ottimo regalo fatto da tutta la squadra e dall’allenatore Pugliese.

Cronaca: al 2′ pt Zumpano, al 12′ pt Agresti, al 16′ pt prima Leto e dopo Sprovieri, non riescono a concretizzare le ghiottissime occasioni, per la bravura del portiere ospite. Al 18′ pt tocca a Pugliese Antonio che da fuori area, manda di poco alto sopra la traversa. Al 33′ pt, Farao di testa serve involontariamente Costantinescu che da ottima posizione manda la palla fuori. Al 38′ pt sempre Costantinescu, entra in area, viene atterrato, per il l’arbitro Palmieri non ci sono dubbi è calcio di rigore. Si incarica della battuta Marchio che realizza per il vantaggio ospite. Al 44′ pt Zumpano ben servito da Farao, prova la conclusione e colpisce la traversa, si avventa nuovamente sul pallone e batte Sacco, per il goal del pareggio. Non c’è più tempo e Palmieri, ‘ice che può bastare, e manda tutti negli spogliatoi a prendere un the caldo.

Si rientra in campo e al 5′ st Affatato, entra in area, si fa spazio tra due avversari, colpisce con forza, ma Sacco sempre attento gli nega la gioia del goal. Ci prova subito dopo il bravissimo Leto, ma la musica non cambia, la porta del Cerva sembra stregata. Al 9′ st Bolotta effettua la prima Sostituzione, fuori Strignile, dentro Scalzi. Al 10′ st si fa vedere il Cerva con Bianco che non riesce a concretizzare per la bravura di Grillo. Al 15′ st ancora Leto, sembra fatta, ma la palla finisce di poco a lato. Al 16′ st è bravissimo Zumpano a prendere palla, supera un avversario e trafigge Sacco per la seconda volta, per le urla liberatorie di gioia. Al 25′ st ancora Affatato e Zumpano, ben serviti, non riescono a chiudere la partita. Al 26′ st prima sostituzione per il Cirò, fuori Sprovieri e dentro Sculco. Al 29′ st nuova azione offensiva per il Cerva, Marchio ben appostato alla destra di Grillo, riceve palla e la gira in porta per il pareggio del Cerva. Al 33′ st ci prova dalla distanza Affatato che manda di poco alto sopra la traversa. Mister Pugliese, effettua le altre sostituzioni, fuori Agresti e Leto, dentro Pirito e Caligiuri. Al 43′ st, il Cirò guadagna un calcio di punizione dal limite, si incarica della battuta Farao, inculca una strana traiettoria alla palla che riesce ad aggirare la barriera piazzando la palla sotto il sette alla destra di Sacco, per il goal del 3-2, esplode il “Malena”, la gioia in panchina è incontenibile, Mister Pugliese salta di gioia ed alza le braccia verso il pubblico.

Si va avanti fino al 90′, c’è tempo per altri attacchi del Cerva, ben contenuti dal pacchetto difensivo, A. Pugliese riesce sempre a rubare palla e rilanciare, il pubblico gradisce e lo acclama. Dopo 5 minuti di recupero l’arbitro Palmieri, manda tutti sotto la doccia. Nota importante che va evidenziata, è la prova offerta dall’ottima direzione arbitrale. Il Signor Palmieri, sempre attento, sempre sull’azione di gioco, esperto di queste categorie, non ha lasciato nulla al caso, e comunque ha sempre tenuto in pugno la gara, questo ha sicuramente contribuito, allo svolgimento di una partita corretta ed improntata verso il rispetto di tutti, un arbitraggio sereno, corretto ed all’altezza della situazione.

Lascia un commento

Scroll To Top