Habawaba International Festival, Auditore Crotone ai sedicesimi di finale pur con qualche fatica

Habawaba International Festival, Auditore Crotone ai sedicesimi di finale pur con qualche fatica

La terza giornata di gare prevedeva in calendario la prima partita del girone di ritorno contro gli Egiziani di Gezira Sharks, che però non si sono presentati. Da regolamento la partita sarebbe dovuta essere considerata persa a “tavolino” ed ufficializzato il punteggio di 5-0 per i crotonesi. In onore del fair-play su cui si basa tutta la manifestazione e del piacere di giocare sempre e comunque a Pallanuoto, al di là di calcoli e comportamenti finalizzati solo al risultato, il Presidente Ape ed il Tecnico Arcuri, hanno accettato di recuperare l’incontro nel giorno successivo alle ore 19.30 pur sapendo che questa decisione avrebbe condizionato non poco la tenuta fisico-mentale del team perché avrebbe costretto i ragazzi pitagorici a disputare ben tre gare in un solo giorno.

Senza recriminare sulla scelta fatta dallo staff tecnico crotonese oggi è stato molto difficile per i piccoli campioni calabresi, in quanto sono scesi in acqua alle ore 11.00 contro la formazione perugina degli “Squali”, il pomeriggio alle 15.00 contro il Velletri Barracuda e la sera contro i fortissimi egiziani del Gezira Sharks.

RISULTATI

Perugia Gli Squali – Auditore Crotone 6-5
Velletri Barracuda – Auditore Crotone 2-2
Gezira Sharks – Auditore Crotone 4-2

Dopo le prime giornate, in cui l’Auditore è andata fin oltre le aspettative ottenendo grandi risultati è arrivato il primo inevitabile e giustificato calo fisiologico. Negli incontri contro Velletri e Perugia, i pitagorici hanno da subito mostrato di non essere nella stessa condizione mostrata nelle precedenti uscite, nelle quali avevano battuto in scioltezza i medesimi avversari.

Sempre costretti ad inseguire contro il Perugia, addirittura “sotto”  per 6-1, negli ultimi 3 minuti di gara, sfoderando tutto il loro orgoglio e la voglia di non mollare, hanno piazzato un parziale di 4-0 a proprio favore, anche grazie ad una direzione di gara finalmente più equa ed equilibrata, per usare un eufemismo, rispetto al resto dell’intero incontro. Per la cronaca, l’arbitro è stato eccezionalmente  un membro del Comitato Organizzatore del Torneo,  Cufino Bruno.

Reti realizzate da Ioppoli Lorenzo (2), Manica Elio, Corigliano Paolo, Fusto Fabrizio.

Nella seconda partita contro il Velletri stesso copione, con i pitagorici in difficoltà, ma con grande voglia di non mollare, lottando fino alla fine. Con grinta sono riusciti ad agguantare almeno il pareggio sul 2-2, dopo una serie interminabile di occasioni sprecate ed errori davanti la porta avversaria, sicuramente causata dalla mancanza di lucidità per i suddetti motivi.

Un’altro elemento “strano” a danno dell’Auditore, la presenza nelle fila della formazione avversaria di un atleta che per sua stessa ammissione era classe 2000, fisicamente sproporzionato rispetto agli atleti 2002-2003-2004 a cui il Torneo è esclusivamente riservato. Purtroppo nessuno si è accorto della “anomalia”  ed il giovane giocatore ha potuto “fare la differenza” in acqua. Reti realizzate da Manica Elio e Ioppoli Lorenzo.

Nella terza e, finalmente, conclusiva partita del giorno, il recupero della partita di “ritorno” contro Gezira Sharks. Gli eroici piccoli atleti Crotonesi hanno dato fondo a tutte le energie fisiche e nervose andando anche aldilà delle reali possibilità grazie ad una forza di volontà ed un orgoglio infinito.

<< Non mi interessa del risultato>> –  dichiara Mister Arcuri – <<… quello che voglio segnalare e rimarcare e la grande, grandissima, grinta e determinazione di questi ragazzi che mi onoro di guidare>>.

I crotonesi addirittura in vantaggio con un eurogoal di Manica Elio che sorprende il portiere avversario fuori dai pali dalla propria metà campo e riceve un’ovazione del numeroso pubblico presente. Altra rete bianco-azzurra realizzata con un’ottima controfuga del centro-boa D’Amico Flavio.
Da segnalare, ancora una prestazione maiuscola e rassicurante del portiere Ruggiero Dodó, che ha neutralizzato anche un rigore con un miracolo sotto l’incrocio dei pali. Non da meno il suo secondo, Curto Alessandro, sempre pronto ogniqualvolta viene chiamato in causa, nonostante un fastidioso infortunio al polso. Ottima la direzione di fara del prestigioso arbitro Dante Saeli.

In definitiva, tra gli errori dell’organizzazione ed un evidente calo di prestazioni degli atleti crotonesi, l’Auditore ha terminato la Fase “B” in terza posizione. Domani alle 10.30 l’Auditore Crotone incontrerà i forti spagnoli del Sant Andreu Taurons, secondi nel Girone 7. Un incontro valido per la Fase “C”, sedicesimi di Finale. Da ora in avanti si prosegue con incontri ad eliminazione diretta.

Lascia un commento

Scroll To Top