ESCLUSIVA Intervista al tecnico Bruno Caligiuri: “Mi manca allenare. Spero di tornare presto”

ESCLUSIVA Intervista al tecnico Bruno Caligiuri: “Mi manca allenare. Spero di tornare presto”

Chiacchierata amichevole del “Pampa” col Mister Bruno Caligiuri. Il “profeta di Savelli’’ dopo l’esperienza negativa di Cotronei, da novembre è fermo.

Buongiorno mister. Innanzitutto vorrei chiederle come si sente un uomo di calcio come lei a star fermo da Novembre?

Buongiorno a te Alessandro. E’ una sensazione stranissima, è la prima volta in 30 anni di carriera d’allenatore che vengo esonerato, da novembre faccio il casalingo, godendomi moglie e figli, anche se il calcio mi manca terribilmente“.

Come mai dopo 5 anni di grandi risultati ad Isola, ha preferito andar via ed ha scelto Cotronei ?

Obiettivamente dopo 5 anni di grande gioco e di grandi risultati ad Isola, culminati con la vittoria dei playoff (da quinti), e la storica vittoria della coppa calabria l’anno scorso, ho ritenuto che fosse finito un ciclo ed ho preferito cambiare aria per trovare stimoli nuovi, sia per me che per gli sportivi di Isola. Ho scelto Cotronei perché convinto da una società, quest’estate con progetto importante. Pero’ purtroppo in italia la parola progetto non esiste, in quanto c’è solo la cultura del risultato. A novembre si è interrotto il rapporto e sto seguendo da spettatore i campionati dilettantistici“.

Cosa ne pensa del campionato d’eccellenza di quest’anno?

Campionato stravinto da una grandissima Palmese, lotta aperta per i posti migliori della griglia playoff, lotta in coda per la salvezza. Anche se secondo me quando una squadra stravince un campionato chiudendolo a 8 partite dalla fine, il livello del campionato è mediocre”.

Come giudica il campionato della Polisportiva Isola Capo Rizzuto?

Grande società e grande campionato. Sono particolarmente contento per il mister Leone ,mio giocatore per 5 anni che ha intrapreso la carriera d’allenatore quest’anno prendendo il mio posto. Da tifoso (come sarò sempre),mi auguro di cuore che anche loro riescano a vincere i playoff visto che la vittoria di coppa non è stata ripetuta”.

Cosa ne pensa del campionato di Promozione?

Su per giù vale lo stesso discorso di quello di eccellenza, visto che il Trebisacce sta vincendo comodamente il campionato. Sono contento per il Cotronei che con mister Trapasso ha risalito la china e la classifica. In coda lotta serrata con un Sant’anna che è rientrato in corsa per disputare i playout. Delusione per il Roccabernarda che ha avuto un calo di risultati micidiale”.

Cosa ne pensa del campionato di Prima categoria?

Qui a differenza di Eccellenza e Promozione, c’è una grande lotta per il primo posto tra Mke, Atletico Botricello, Silana e Taverna. Saranno decisivi per decretare la vincitrice del campionato gli scontri diretti delle prossime settimane, ma è chiaro che io tifo per la ‘’mia Silana’’, che ha un grande presidente come Mario Silletta e giocatori di categoria superiore quasi tutti da me allenati in passato”.

Cosa ne pensa del campionato di terza categoria ed in particolare della Gioventu’ Savelli squadra del suo paese che segue con tanta passione tutte le Domeniche?

Anche qui la lotta per il primato è incerta ,anche se la favorita principale è il Real Roccabernarda, viste le vittorie in trasferta negli scontri diretti conto San Mauro Marchesato e Calcio Steccato e viste anche le undici vittorie consecutive che gli hanno permesso di raggiungere la vetta della classifica. Sul ‘’mio Savelli’’ innanzitutto c’è da elogiare il fatto che sono tutti ragazzi locali, compresi i dirigenti che sono giovani ed appassionati e in una realtà come Savelli aver dirigenti come questi che fanno di tutto per dare possibilità di fare sport ai ragazzi locali, è una cosa positiva. Perchè il tutto diventa un discorso di aggregazione sociale. Nella Gioventu’ Savelli ci sono anche individualità ‘’carine’’ : Pierluigi Greco difensore classe 1998 e Giuseppe Levato portiere sempre classe 1998 ,entrambi under di prospettiva”.

Vuole aggiungere qualcosa altro all’intervista?

Concludo l’intervista ringraziando il mio staff (Mister Oliverio, Giuseppe Lizzi preparatore atletico e Olivo Tonolli preparatore dei portieri) che oltre ad essere preparatissimi collaboratori ,sono per me dei veri e propri amici ,visto il loro affetto. Aspettando la fine di questi campionati e aspettando la chiamata per ritornare ad allenare ‘’senza nessun progetto’’ ma ricalcando di nuovo un terreno di gioco cosa che mi manca tanto”.

Mister un saluto ed un ringraziamento per l’intervista concessa.

“Un saluto a te Alessandro e a Crotone Sport, grazie per lo spazio concesso”.

Lascia un commento

Scroll To Top