Errori arbitrali in serie a sfavore: uno spento Crotone subisce un poker a Pescara

Errori arbitrali in serie a sfavore: uno spento Crotone subisce un poker a Pescara

PESCARA-CROTONE 4-1

PESCARA: Fiorillo; Zampano, Fornasier, Zuparic, Crescenzi; Memushaj, Mandragora, Verre; Benali (dal 36′ st  Fiamozzi); Lapadula (dal 16′ st Sansovini), Caprari (dal 23′ st Forte). In panchina: Aresti, Bruno, Torreira, Valoti, Selasi, Cocco. Allenatore: Oddo.

CROTONE: Cordaz, Yao, Claiton, Ferrari; Balasa (dal 10′ st Zampano), Barberis, Salzano (dal 16′ st Ricci), Modesto; Capezzi; Budimir, Stoian (dal 31′ st Tounkara). In panchina: Festa, Cremonesi, Martella, Paro, Torromino, De Giorgio. Allenatore: Juric.

ARBITRO: Pinzani di Empoli

MARCATORI: 16′ pt Memushaj (rig.) (P), 41 pt ‘ e 2′ st Lapadula (P), 14′ st Caprari (P), 22’ st Claiton (C).

AMMONITI: Claiton (C), Crescenzi (P), Tounkara (C), Ferrari (C), Capezzi (C).

 

Sconfitta pesante nel punteggio per il Crotone, ma influenzata in modo pesante dalla direzione arbitrale. Una direzione insufficiente, a senso unico, irritante sin dai primi minuti. Tralasciando tante situazioni con ammonizioni non date ai pescaresi, e dispensate in modo incomprensibile ai rossoblù, basti pensare che i primi 3 gol del Pescara sono stati gentili regali della terna arbitrali alla squadra abruzzese.

Vantaggio al 16′ con un rigore assegnato per un fallo di mano di Yao su cross di Caprari. L’attaccante pescarese innanzitutto calcia trattenendo vistosamente per la maglia Balasa, ed inoltre Yao ha il braccio attaccato al corpo (essendo tra l’altro vicinissimo a Caprari). Dal dischetto Memushaj spiazza Cordaz.

A fine primo tempo raddoppio con Lapadula, partito nettamente in fuorigioco. Inizio ripresa col 3-0, ancora Lapadula, ed ancora in fuorigioco, come testimoniano chiaramente le immagini. La gara a quel punto perde di significato, la squadra di casa segna il quarto gol, il primo regolare, con Caprari. Poi arriva la rete della bandiera con Claiton che stacca di testa ed insacca su punizione battuta da Stoian.

In mezzo una gara equilibrata, con un Crotone non brillante come altre uscite, ma affondato subito dal rigore inesistente subito che ha messo la gara in salita. La reazione dei rossoblù, seppur blanda, c’era, prima della mazzata del raddoppio in fuorigioco.

Lascia un commento

Scroll To Top