Cutro corsaro a Taurianova. Percopo e Scalese firmano il secondo successo

Cutro corsaro a Taurianova. Percopo e Scalese firmano il secondo successo

(nella foto l’esultanza di Percopo dopo il gol)

TAURIANOVESE-CUTRO 0-2

TAURIANOVESE: Nicoletta, Barreca (dal 43’ st Raccosta), Galatà, Rettura, G. Sicari II, Venere, Rossetti, Bongiovanni (dal 37’ st Galluccio), Condrò (dal 41’ st Romano), Moscato, G. Sicari I. in panchina: Stranges, Melidona, Massara. Allenatore: Nava.

CUTRO: Sestito, Squillace, Gerace, Percopo, Paonessa, Maione, D. Aiello (dal 49’ st Tambaro), Balsamo, Aracri (dal 36’ st Stirparo), Scalese, Liperoti (dal 49’ st Brugnano). In panchina: Russo, F. Aiello, Garofalo, Correale. Allenatore: Vanzetto.

ARBITRO: Fanara di Cosenza.

MARCATORI: 28’ st Percopo, 43’ st Scalese.

ESPULSI: 29’ st Venere (T), 38’ st G. Sicari II (T), Nicoletta (T) a fine gara.

 

Ottimo impatto di mister Vanzetto sulla panchina del Cutro. Dopo il pareggio in casa (in realtà a Cotronei) contro il Sersale attuale vicecapolista, è arrivata la vittoria in casa della Taurianovese. Un successo che non fa una grinza, troppo superiore la formazione cutrese, ben disposta in campo e che ha col passare dei minuti preso in mano il pallino del gioco. Poca cosa la Taurianovese, formazione giovane e che comunque al momento sembra una seria candidata per la retrocessione, non pronta per affrontare un torneo duro come l’Eccellenza.

Il Cutro ha sfiorato la rete nel primo tempo, quando Aiello, lanciato in profondità, si trova solo davanti a Nicoletta facendosi però respingere la conclusione. La pressione ospite sale nella ripresa e si concretizza meritatamente con la rete del vantaggio di Percopo con un bel diagonale. Furenti le proteste dei calciatori di casa che si concretizzano nell’espulsione di Venere. Meno di dieci minuti dopo viene espulso per doppia ammonizione Sicari e per i reggini è notte fonda. Scalese in contropiede segna il raddoppio con un diagonale preciso da sinistra. A fine gara veementi proteste del portiere Nicoletta, fermato con molta difficoltà dai compagni e dai dirigenti locali mentre tentava di aggredire l’arbitro. Per lui espulsione e lunga squalifica in arrivo.

Lascia un commento

Scroll To Top