Cutro, che rimonta nel finale: Lorecchio e Paonessa piegano la Cittanovese

Cutro, che rimonta nel finale: Lorecchio e Paonessa piegano la Cittanovese

CUTRO-CITTANOVESE 2-1

CUTRO: Sestito, Stirparo, Le Rose, Garofalo, Paonessa, Maione, Liperoti (dal 6′ st Aracri), Balsamo, Alessandrì, Scalese, Lorecchio. In panchina: Russo, Staffa, Furriolo, Tarzia, Brugnano, Tambaro. Allenatore: Vanzetto.

CITTANOVESE: De Miere, Calarco, Rizzo, Varrà, Lombardo, Dascoli, Trentinella, Cundari, Angotti, Saffioti (dal 24′ st Carbone), Capria. In panchina: Galluzzo, Castellano, Mercuri, Bruzzese, Velletri, Monteleone. Allenatore: Ferraro.

ARBITRO: Massaria di Vibo Valentia (assistenti G. De Bartolo ed I. De Bartolo di Cosenza).

MARCATORI: 7′ st Saffioti (Ci), 43′ st Lorecchio (Cu), 46′ st Paonessa (Cu).

 

Un finale di gara eccezionale, da cuori forti, ed il Cutro è ancora in piena corsa per la salvezza diretta. Quella di domenica è stata una giornata lunga, lunghissima, coi ritardi su vari campi, reti di porte che si strappavano continuamente a Reggio Calabria, ed un intervallo che è durato oltre mezzora per cercare di riallineare i vari campi. Il Cutro fino alle 18:10 era nel baratro, con la Cittanovese avanti grazie ad una rete di Saffioti ad inizio ripresa. Poi, la rimonta eccezionale che è vera, pura, frutto della grinta e della determinazione. Prima Lorecchio con un tiro preciso, poi il solito Paonessa di testa, hanno ribaltato la squadra ospite. Un ko che costa carissimo alla Cittanovese, ormai lontanissima dalla conquista dei playoff.

È stata una gara tirata, con la posta in palio altissima. Primo tempo non bellissimo, con un Cutro piuttosto contratto rispetto ad altre esibizioni. Nella ripresa i biancoazzurri erano partiti meglio, pressando la Cittanovese e sfiorando il vantaggio con Maione, in una delle sue sortite offensive. Poi la doccia fredda del gol ospite e, come già scritto, la veemente reazione finale. Lorecchio che sta diventando determinante in questo finale di stagione, Paonessa che continua ad essere letale in area nel gioco aereo, e tutto il resto della squadra che sta dando il massimo.

Domenica a Brancaleone ci si gioca una intera stagione: vincere vorrebbe dire salvezza quasi certa, anche se bisognerebbe sperare che non scendano più di due squadre calabresi dalla D, altrimenti ci sarebbe uno spareggio da giocare. In caso di sconfitta terzultimo posto quasi inevitabile, e sarebbe un guaio visto che vorrebbe dire giocare lo spareggio in trasferta.

Lascia un commento

Scroll To Top