Crotone, una sconfitta netta ma che ci può stare. Il vantaggio è siderale

Crotone, una sconfitta netta ma che ci può stare. Il vantaggio è siderale

Una delle più brutte prestazioni dell’anno, col Brescia che dopo la mezzora ha legittimato il successo netto, che poteva essere anche più rotondo. Le gare casalinghe con Vicenza ed Ascoli avevano mostrato un Crotone in crescita atletica, mentre le ultime gare in trasferte stanno segnalando una squadra spenta rispetto a qualche tempo fa. Nessun dramma, i rossoblù sanno bene che per la promozione tranquilla basta vincere alcune delle gare casalinghe, e probabilmente si sta lavorando per arrivare al massimo della condizione tra qualche settimana. Qualora una tra Pescara e Novara vincesse (si gioca lo scontro diretto) il vantaggio si ridurrebbe a 11 punti, più che sufficiente comunque per stare tranquilli.

In caso di pareggio, invece, la sconfitta di Brescia non avrebbe nessuna rilevanza sulla classifica. Il Crotone ha un vantaggio importante, e diverse partite nelle ultime giornate che sulla carta potrebbero essere molto favorevoli. Fermo restando che commentando una gara è lecito sottolineare una prova deludente ed incolore, nulla si può togliere al campionato disputato finora dalla squadra di Juric e sulle prospettive future. Il disfattismo di alcuni commenti sui social è imbarazzante, ma probabilmente dettato solo dalla scaramanzia.

Ora la squadra ha un tempo abbastanza lungo per preparare la gara interna col Pescara di domenica 20 marzo, seppur con 3 squalificati, ed è questa la cosa che lascia più l’amaro in bocca. In una gara giocata sottotono si poteva magari stare più attenti ed evitare di complicare anche la gara successiva. Per il tecnico croato sarebbe stato più comodo poter scegliere tra tutti i calciatori della rosa, ma dovrà fare a meno di Capezzi, Salzano e Di Roberto. Con la speranza di poter recuperare Yao e Budimir.

Lascia un commento

Scroll To Top