Crotone, terzo posto e il sogno continua. Pettinari entra e decide la partita col Padova

Crotone, terzo posto e il sogno continua. Pettinari entra e decide la partita col Padova

CROTONE-PADOVA 2-1

CROTONE 4-3-3: Secco; Del Prete, Suagher, Cremonesi, Mazzotta; Cataldi, Crisetig, Galardo (dal 4’ st Dezi); Giannone (dal 16’ st Bernardeschi), Diop (dal 34’ st Pettinari), Bidaoui. In panchina: Concetti, De Giorgio, Meola, Ferrari, Matute, Ishak. Allenatore: Drago.

PADOVA 4-2-4: Mazzoni; Osuji, Benedetti (dal 37’ st Kelic), Carini, Almici; Iori, Cuffa; Improta, Melchiorri, Rocchi (dal 20’ st Vantaggiato), Jelenic (dal 24’ st Pasquato). In panchina: Nocchi, La Camera, Ceccarelli, Vinicius, Moretti, Buonaiuto. Allenatore: Serena.

ARBITRO: Merchiori di Ferrara.

MARCATORI: 23′ pt Bidaoui (C), 31′ st Improta (P), 40′ st Pettinari (C).

NOTE: spettatori 1875 paganti più 2275 abbonati. Ammoniti: Suagher (C), Benedetti (P), Cuffa (P). Angoli 9-6 per il Crotone.

 

Altra pagina di storia scritta dal Crotone che, vincendo col Padova, riconquista il terzo posto quando mancano solo 5 giornate alla fine del campionato. Un successo, quello sui veneti, che avvicina sempre di più la squadra rossoblù ai playoff, ma vista la situazione attuale si può pensare ad un’ottima posizione nella griglia finale, se non ad un secondo posto che al momento sembra però saldamente dell’Empoli.

Gara sostanzialmente dominata da Galardo e compagni che trovano la rete a metà primo tempo: splendida azione di Giannone che con dribbling vari si accentra e lancia in profondità Bidaoui, abile a superare Mazzoni con un tocco preciso. In precedenza il Padova aveva colpito una traversa con un tiro da fuori di Benedetti.

I crotonesi comunque spingono anche dopo il vantaggio e reclamano un calcio di rigore per fallo su Mazzotta. La reazione di Rocchi e compagni è davvero sterile e Secco non deve fare più di tanto.

Nella ripresa la gara sembra dominata dal Crotone che sfiora più volte il raddoppio, una volta in modo clamoroso con Bidaoui che da due passi dopo una bella azione personale, manda sull’esterno della rete. A sorpresa, alla mezzora, arriva il pareggio padovano con un’azione strana e probabile fallo di mano di un attaccante ospite. La rete la sigla comodamente Improta lasciato solo sul secondo palo.

La mazzata potrebbe ferire qualunque squadra ma non questo Crotone: la formazione di Drago si getta anima e cuore in attacco e sfiora in modo incredibile il gol del vantaggio: davanti alla porta di Mazzoni è un tiro a segno. A  riportare avanti la squadra di casa ci pensa Pettinari, entrato pochi minuti prima per Diop, che trova una deviazione vincente e fa esplodere lo Scida. Pessima la direzione di gara di Merchiori.

Lascia un commento

Scroll To Top