Crotone ko in casa del Chievo. Ora la salvezza diventa molto complicata

Crotone ko in casa del Chievo. Ora la salvezza diventa molto complicata

CHIEVO VERONA-CROTONE 2-1

CHIEVO VERONA: Sorrentino; Cacciatore (dal 32′ st Bani), Tomovic, Dainelli, Gobbi; Rigoni (dall’ 11′ st Bastien), Radovanovic, Hetemaj; Birsa, Inglese (dal 26′ st Stepinski), Giaccherini. In panchina: Seculin (GK), Confente (GK), Jaroszynksi, Gamberini, Cesar, Castro, Pucciarelli, Pellissier, Meggiorini. Allenatore: D’Anna.

CROTONE: Cordaz; Faraoni, Ceccherini, Capuano, Martella; Barberis, Mandragora, Stoian (dal 26′ st Ricci); Trotta (dal 41′ st Tumminello), Simy, Nalini (dal 33′ st Rohden). In panchina: Festa (GK), Izco, Diaby, Pavlovic, Zanellato, Sampirisi, Simic, Crociata, Ajeti. Allenatore: Zenga.

ARBITRO: Massa di Imperia.

MARCATORI: 13’ pt Birsa (CV), 37′ st Stepinski (CV), 49’ st Tumminello (C).

AMMONITI: Radovanovic (CV), Rigoni (CV), Hetemaj (CV), Bani (CV), Sorrentino (CV).

 

Poteva essere la gara della salvezza aritmetica, si trasforma in un mezzo incubo che ora tormenta i tifosi rossoblù. Il Crotone perde in casa del Chievo Verona ed ora avrà bisogno di fare punti pesanti, forse anche 3 o più nelle due gare con Lazio e Napoli. La squadra di Zenga gioca una brutta partita al Bentegodi, anche sfortunata per certi versi, ma complessivamente ci si aspettava molto di più. Prima un gol annullato a Ceccherini per fuorigioco millimetrico ma giusto, poco dopo arriva la beffa col vantaggio di Birsa che colpisce di testa sul secondo palo indisturbato finalizzando un cross di Gobbi. Nell’occasione l’errore è di Martella che perde nettamente la marcatura saltando a vuoto. Reazione molto sterile, quasi inesistente degli ospiti.

Nel secondo tempo inizia meglio ancora il Chievo ma dopo l’ora di gioco i pitagorici confezionano due grandi palle gol: prima Simy colpisce il palo di testa su cross di Nalini, subito dopo Capuano colpisce ancora di testa a colpo sicuro sugli sviluppi di un angolo ma Sorrentino fa il miracolo in tuffo. Passano alcuni minuti ed anche il Chievo coglie un palo interno con un tiro di Radovanovic dal limite dell’area. I clivensi raddoppiano col neo entrato Stepinski che si gira in area da posizione defilata e trova incredibilmente l’angolino basso opposto. Nel recupero la rete di Tumminello su assist di Martella che serve quantomeno per non essere indietro con la squadra di D’Anna negli scontri diretti.

La situazione come dicevamo è complicata per il calendario. Il Crotone spera ora anche negli altri risultati ma dovrà comunque giocare per battere la Lazio. Difficile, ma diventa fondamentale per la salvezza. Da segnalare la grande presenza di tifosi crotonesi a Verona, ben 3.000. Avrebbero meritato un altro spettacolo.

Lascia un commento

Scroll To Top