Crotone, che poker in rimonta a Venezia. Salvezza più vicina

Crotone, che poker in rimonta a Venezia. Salvezza più vicina

VENEZIA-CROTONE 1-4

VENEZIA: Vicario; Coppolaro, Modolo, Domizzi; Lombardi, Pinato (dal 9′ st Besea), Segre (dal 22′ st St. Clair), Schiavone, Zampano; Rossi (dal 12′ st Vrioni), Bocalon. In panchina: Facchin (GK), Lezzerini (GK), Fornasier, Suciu, Zigoni, Zennaro, Mazan, Cernuto, Soldati. Allenatore: Cosmi.

CROTONE: Cordaz; Curado, Vaisanen, Marchizza; Sampirisi (dal 28′ st Mikić), Benali, Barberis (dal 16′ st Rohden), Zanellato, Molina; Pettinari (dal 24′ st Machach), Simy. In panchina: Festa (GK), Cuomo, Spolli, Firenze, Tripaldelli, Kargbo, Gomelt, Mraz, Valietti. Allenatore: Stroppa.

ARBITRO: Giua di Olbia.

MARCATORI: 16’ pt Domizzi (rig.) (V), 22’ pt Barberis (C), 3’ st e 26’ st Benali (C), 10’ st Zanellato (C).

AMMONITI: Rossi (V), Sampirisi (C), Barberis(C), Schiavone (V), Bocalon (V).

ESPULSO: 30’ st Lombardi (V) per doppia ammonizione.

 

Il Crotone espugna il Penzo, batte a domicilio una diretta concorrente per la salvezza e vola a 37 punti in classifica con quattro lunghezze di vantaggio sul quint’ultimo posto occupato proprio dai lagunari.
La prima conclusione è degli squali con un tiro dal limite di Simy (11’). Due minuti dopo ci prova Sampirisi di sinistro e sfiora il palo. Al 15’ Lombardi va via sulla destra, entra in area e calcia, ottima la risposta in corner di Cordaz. Sugli sviluppi dell’angolo seguente l’arbitro vede un fallo in area e decreta il rigore per i padroni di casa: sul dischetto si presenta lo stesso capitano del Venezia (16’) e riesce a portare i suoi in vantaggio.

La reazione dei pitagorici è immediata e il pareggio arriva subito (22’) con un gran gol di Barberis che raccoglie una respinta corta della difesa e lascia partire un gran tiro, imparabile. Gli uomini di Stroppa continuano ad essere pericolosi, questa volta con Pettinari, ma il suo tiro è murato da Domizzi. Al 36’ Bocalon schiaccia bene di testa, la sfera termina al lato.

Al ritorno dagli spogliatoi i due allenatori non cambiano nulla e si riprende a giocare con gli stessi 22 della prima frazione. Passano poco più di due minuti di gioco e gli squali vanno a segno: Simy innesca Molina sulla sinistra che penetra in area e mette al centro per Pettinari che però viene steso, ma la sfera finisce sul destro di Benali che non sbaglia e firma il sorpasso. Cosmi corre ai ripari inserendo Besea per Pinato ma è il Crotone a colpire di nuovo con un altro gol da applausi, questa volta a segno va Zanellato con una splendida conclusione da fuori. Stroppa manda in campo Rohden prima e Machach dopo, con lo svedese che subito dopo l’ingresso sfiora la quarta marcatura con un bel tiro a giro di sinistro che si spegne di poco fuori. Il poker però non tarda ad arrivare e giunge al minuto 71 ancora con Benali che a tu per tu con Vicario non sbaglia e sigla la sua doppietta personale. Al 75’ i lagunari restano in dieci per l’espulsione di Lombardi per doppia ammonizione. Ultimi minuti che hanno davvero poco da dire e match che si chiude senza recupero. Tre punti d’oro per gli uomini di mister Stroppa!

fonte: fccrotone.it

Lascia un commento

Scroll To Top