Covelli-gol e l’Isola Capo Rizzuto batte il Gallico Catona consolidando il secondo posto

Covelli-gol e l’Isola Capo Rizzuto batte il Gallico Catona consolidando il secondo posto

ISOLA CAPO RIZZUTO-GALLICO CATONA 1-0

POL. ISOLA CAPO RIZZUTO: Petrellese (95), De Luca (36’ st Marsala), Scuteri, Viscomi (40’ st Errigo), Minutolo, G. Bruno (95), Girasole (96), Ribecco, Covelli, Marano, Rizzo (36’st Verrilli(95) ). In panchina: Lamberti, Caterisano, Filoramo (95), Franco (96). All. Leone.

GALLICO CATONA: O. Barillà (96), Barreca, La Cava (95), Penna, Caridi, Oliveri, Caputo, Zappia, Kris, Postorino, D. Barillà (95) (26’st Musarella (95) ). In panchina: Chirico (97), Ferriolo, Bellè, Baccellieri (98), Monorchio (95), Comarci. All. Franceschini.

ARBITRO: Salama di Ostia Lido 7 (Esposito e Spataro di Rossano)

MARCATORI: 44’ pt Covelli.

NOTE: Spettatori 500 circa. Espulsi: Al 17’ Postorino e Marano per reciproche scorrettezze. Ammoniti: Covelli, Scuteri, Verrilli (I); Oliveri, Cormaci,Zappia, Caputo. Recupero: 1’pt; 4’st Angoli: 6-3 per l’Isola

 

 

ISOLA CAPO RIZZUTO: Continua inarrestabile la corsa dell’Isola Capo Rizzuto, nello scontro diretto per il secondo posto batte il Gallico Catona e consolida il ruolo di vice capolista. Un ruolo alla quale la squadra del presidente Leonardo Sacco inizia ad abituarsi e che, ormai, si vuole cercare di difendere fino alla fine, gli arrivi nei giorni scorsi di Bergese e Verrilli ne sono la prova. In settimana sul manifesto di presentazione della partita si leggeva “Abbiamo un sogno”, il sogno si chiama ovviamente Serie D e dopo le ultime prestazioni sembra poter essere più di un sogno.

Contro il Gallico Catona l’undici di mister Leone ha sfoggiato l’ennesima prova di cuore e carattere, non è stata una partita bellissima ma l’Isola è riuscita nell’obiettivo più importante, portare in cascina i tre punti. Andando all’analisi del match il primo tempo non ha offerto molti spunti offensivi, l’hanno fatta da padrona tatticismo e studio. Nella prima mezz’ora l’Isola prova qualche incursione in più, ma in generale si registrano solo due occasioni degne di nota, una per parte: Al 20’ Caridi ci prova su punizione, il suo tiro è deviato dalla barriera e bloccato successivamente da Petrellese; Al 32’ Covelli ci prova dal limite dell’area con un tiro a giro, la sua conclusione sfiora il palo. Da qui in poi il match si anima, già al 33’ Scuteri mette un pallone teso in mezzo per la testa di Covelli ma Barillà è bravo ad intercettare la sfera. Al 34’ si vedono gli ospiti, tiro morbido e facile preda di Petrellese. Al 42’ Minutolo non sfrutta a dovere un assist di Marano, da pochi passi di testa manda a lato clamorosamente, con la panchina che già urlava al gol. Passano appena due minuti e Covelli fa esplodere il Sant’Antonio: In area, palla al piede, inganna la difesa con una serie di finte e lascia partire un tiro che si insacca alle spalle dell’incolpevole Barillà.

Nella ripresa la partita si fa più bella, grazie anche agli spazi lasciati dal Catona che cerca di avanzare il baricentro per trovare il pari, è però l’Isola ad avere le migliori occasioni. All’8’ Covelli ha sui piedi la palla del 2-0 ma sciupa clamorosamente cercando un presuntuoso pallonetto esce di poco. Al quarto d’ora nervosismo in campo, Marano e Postorino vengono espulsi giustamente dall’ottimo Salama di Ostia Lido. Il Gallico a questo mette il piede sull’acceleratore e cerca di spingere più possibile per cercare il pareggio, l’Isola si difende con ordine fino al triplice fischio del direttore di gara, finisce 1-0 tra la gioia del pubblico di casa. Terza vittoria consecutiva e domenica prossima sfida delicata in casa della Paolana, non bisogna fermarsi.

Lascia un commento

Scroll To Top