Cotronei, parla il capitano Arabia: “Inizio difficile per il calendario, ma risaliremo”

Cotronei, parla il capitano Arabia: “Inizio difficile per il calendario, ma risaliremo”

Antonio Arabia è conosciuto per la sua grinta e la sua forza di volontà. Ma anche per la sua intelligenza in mezzo al campo. Faro del centrocampo del Cotronei da sei anni, capitano di una squadra che ormai non può più fare a meno di lui. Sta scrivendo pagine di storie bellissime con questi colori ed oggi il classe 1983 è qui a colloquio con noi.

 Sei da tanti anni con il Cotronei. Cosa significa indossare questa maglia per te?

“Questo è il sesto anno a Cotronei. Ogni estate penso che è meglio lasciare con l’obiettivo raggiunto come negli ultimi anni, ma poi penso  anche che Cotronei è la pizza giusta per fare calcio e divertirsi allo stesso tempo. Poi con la società e il con paese si è instaurato un rapporto che va oltre questo sport”.

Qual è stata la miglior stagione che hai disputato con questi colori?

“Sono due le stagioni: sicuramente quella della vittoria del campionato di Promozione e poi quella successiva in Eccellenza, dove abbiamo disputato i playoff arrivando secondi”.

Inizio di campionato sicuramente non all’ altezza. Qual è la strada giusta per la risalita?

“Innanzitutto il calendario è stato duro. Abbiamo incontrato due squadre attrezzate per fare un campionato di vertice, come Scalea e Locri. Poi l’Isola fuori casa che è sempre un derby  e non è  mai facile fare punti al “Sant’ Antonio”. C’è da considerare anche che abbiamo cambiato tanto: mister e compagni di squadra, quindi ci vuole del tempo  per trovare la quadratura giusta”.

Prossimo impegno con il Soriano. Come vi state preparando?

“Domenica altra partita tosta. Loro hanno allestito un’ ottima squadra con giocatori che conoscono benissimo il campionato. Dispiace non esserci e non dare una mano visto la squalifica”.

Chi vedi favorito per la vittoria finale del campionato d’ Eccellenza?

“Ancora è presto per dire chi sarà la favorita. La  Vigor Lamezia sembra essere quella più attrezzata, ma  Locri e Sambiase non sono da meno”.

Lascia un commento

Scroll To Top