Cotronei, intervista al presidente Alessio: “Noi non pronti per la D? Attenti, siamo imprevedibili”

Cotronei, intervista al presidente Alessio: “Noi non pronti per la D? Attenti, siamo imprevedibili”

Il Cotronei è la squadra che nel massimo campionato regionale, ovvero l’Eccellenza, ha stupito tutti. Una squadra che è stata costruita dal direttore sportivo Olivo con innesti del calibro di Lorecchio, Porpora, Russo e tanti altri giocatori che hanno dato qualità e quantità alla causa giallorossa. Il merito per aver costruito questa squadra va in gran parte ai tre presidenti, tra cui Massimo Alessio, che con i loro sforzi economici hanno fatto si che il Cotronei sia diventata squadra rivelazione di questo campionato. Oggi abbiamo contattato il presidente Alessio per una breve intervista.

Quanto entusiasmo c’è per aver raggiunto i play off? Credete nell’approdo in D?

Il secondo posto raggiunto e la disputa dei play off a Cotronei è stato un risultato che resterà nella storia, creando nell’ambiente cotronellaro, specie per chi ci sostiene sia economicamente e sia da parte dei pochi tifosi, una favola bellissima, che ci porta a sognare la D, perché no“.

Ad inizio stagione era stato programmato tutto questo?

Ad inizio stagione si era programmato per fare un bel campionato e magari essere una rivelazione, anche se tutti ci davano come una squadra ben assemblata dal direttore sportivo Olivo. Infatti i risultati sono arrivati, come la finale di Coppa al Ceravolo di Catanzaro persa contro il Locri e il secondo posto conquistato sempre dietro i locresi“.

Secondo lei che svolta ha dato Morelli alla squadra?

Con mister Morelli siamo riusciti ad ottenere grandissimi numeri, non lo scopro certo io, ha stravolto il modo di vedere le partite“.

Quali le intenzioni future per questa squadra?

Per il futuro ancora non sappiamo, ci godiamo il momento giorno dopo giorno, anche se in giro c’è qualcuno che dice che delle 4 noi siamo l’unica a non essere pronta per il cambio di categoria, non avendo strutture adeguate e sponsor. Vorrei rispondere a chi ha fatto queste dichiarazioni che i nostri sponsor (Sadel di Salvatore Baffa, 3G Costruzioni, Fabitek e la famiglia Alessio) fanno tutto ciò con il cuore e sono imprevedibili. Il campo è uno dei più belli della Calabria, infine noi stiamo vivendo una favola, e se alla fine non saliremo in D sarà un’annata da non dimenticare“.

Lascia un commento

Scroll To Top