Cotronei 1994, intervista a mister Trapasso: “Raccolti i frutti di tre anni di lavoro”

Cotronei 1994, intervista a mister Trapasso: “Raccolti i frutti di tre anni di lavoro”

Domenica scorsa il Cotronei 1994 ha strappato il pass per il prossimo torneo di Eccellenza con 2 giornate di anticipo. Una gioia immensa per il paese presilano ma non solo, anche per tutti gli amanti del calcio dilettantistico del Crotonese. Di questa impresa ne abbiamo parlato con uno dei principali artefici, il tecnico Filippo Trapasso.

Mister Trapasso, l’impresa è compiuta. Quali sono le sensazioni che prova?

Ho vinto anche altri campionati, quindi si potrebbe pensare che vittoria dopo vittoria le sensazioni siano meno forti. Invece l’emozione é grande, perché per me non é solo la vittoria di un campionato, ma il risultato di un grande lavoro fatto dai miei ragazzi in primis, poi anche la serietà della societá“.

Sinceramente, lei pensava ad inizio stagione di poter centrare questo traguardo con 2 gare d’anticipo?

No, onestamente sapevo alla vigilia che c’erano 2-3 squadre molti forti. Poi c’è stato il fatto che avevamo perso lo scontro diretto in casa con l’Amantea e con la successiva sconfitta a Belvedere eravamo finiti a meno 3 dalla capolista. Lì abbiamo avuto la forza di reagire e lottare fino ad arrivare a questo risultato eccezionale“.

Quale il segreto di questo Cotronei?

É stato un lavoro di tre anni, dove sono riuscito a costruire una squadra molto competitiva. Il primo anno sono arrivato a metà campionato. L’anno scorso siamo arrivati nei playoff e un pizzico di sfortuna c’è stata. Quest’anno ho “sistemato” la squadra aggiungendo pedine importanti e quindi creato un gruppo di ragazzi motivati, dediti al sacrificio e al lavoro di squadra che reputo sempre vincente“.

Quando ha capito che ormai era fatta?

Ho capito che potevamo farcela dopo il risultato con l’Amantea nel ritorno di campionato. Quel pareggio é stato la trave importante per la nostra vittoria“.

Presto per parlare del futuro, ma ci sono le basi per vedere un Cotronei con Trapasso in panchina anche in Eccellenza?

Ora l’importante é festeggiare, con la societá ora i nostri argomenti al momento sono elogi e orgogli oggettivi verso i nostri bravi giocatori, perché come dico sempre sono i giocatori che fanno l’allenatore“.

Lascia un commento

Scroll To Top